Bracciale in argento e gomma rossa
Bracciale in argento e gomma rossa

X Jewellery, semplice e su misura




I gioielli componibili della danese X Jewellery: bronzo, argento ma anche speciale gomma ♦︎

Chissà se William Shakespeare oggi scriverebbe di nuovo l’Amleto dipingendo la Danimarca come un tetro palcoscenico di intrighi. Forse no. Perché la Danimarca, oltre a essere uno dei Paesi con il maggiore tasso di benessere, è anche la patria del bello e del semplice. In una parola, del design nordico. Ma non solo: è anche il Paese con il maggior numero di aziende della gioielleria specializzate in componibili. Una delle ultime arrivate, ma anche una delle più vivaci, è X Jewellery, marchio arrivato sul mercato dei bijoux nel 2013. Propone gioielli in argento, bronzo e in una gomma speciale a prezzi accessibili e, appunto, ha sposato il concetto di composable: chi acquista un bracciale di X Jewellery può creare, modificare e riordinare i singoli link (gli elementi che compongono il gioiello) a piacimento.

Bracciale in argento e gomma rossa
Bracciale in argento e gomma rossa

L’azienda precisa anche che, a differenza di molti dei braccialetti modulari che si trovano sul mercato, la gamma X Jewellery si fonda sulla classica catena. Cioè, non si acquista un bracciale già fatto e si aggiungono ciondoli, ma si compone tutto. In questo modo si possono adattare i gioielli a ogni occasione o trasformarli da un giorno all’altro.  Prezzi: un bracciale a catena in argento con elemento centrale con doratura costa da 230 a circa 150 euro, mentre per un bracciale con i link in gomma si scende a circa 60-40 euro. MdB

Bracciale in argento e link di gomma arcobaleno
Bracciale in argento e link di gomma arcobaleno
bracciale bronzo Gomma X cioccolato
Bracciale in bronzo e link di gomma chocolate
Bracciale in bronzo
Bracciale in bronzo
Bracciale in bronzo e argento
Bracciale in bronzo e argento
Collana in argento e gomma arancio
Collana in argento e gomma arancio

Collana in argento e gomma blu
Collana in argento e gomma blu







Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Gioielli per gli emiri con Gismondi 1754

Next Story

Old England con Charles Green

Latest from Bijoux