Giorgio Visconti, solitario linea Icona

Giorgio Visconti, anello ai raggi x

Se cercate un solitario di carattere, quello di Giorgio Visconti della linea Icona edizione 2015 ne ha senz’altro. E smentisce l’opinione che questo tipo di anello si distingua solo per taglio e i carati del diamante e, che a parte queste caratteristiche ovviamente fondamentali, ormai si assomiglino un po’ tutti. In certi casi può essere vero, ma in altri è assolutamente il contrario. Da che cosa dipende? Da una serie di dettagli stilistici e tecnici che danno armonia e modernità all’insieme. E noi vi spieghiamo il perché.

Il primo particolare che salta all’occhio è la montatura del diamante a forma di lettera V, massiccia senza essere pesante, che rende immediatamente riconoscibile la firma del gioielliere, V come Visconti, appunto. Ma è la resa quasi calligrafica della lettera a fare la differenza: infatti, la parte finale verso l’alto ricorda la V dei Romani, con quel triangolo che sporge e combacia perfettamente con l’asta che lo sorregge; sembrerà una banalità, ma non lo è perché implica grandi abilità artigianali di preparazione del metallo. A cui si aggiungono finezze creative come il piccolo diamante posto sotto quello principale, sorretto solo dal fondo delle V, che impone un precisione millimetrica in uno spazio limitato per evitare che la punta inferiore (si chiama padiglione) del brillante più grande tocchi la seconda pietra.

Un problema che si ripropone con i diamanti del gambo dell’anello, ossia la parte che circonda il dito: posti sulla parte alta e laterale teoricamente dovrebbero scontrarsi tra loro con le punte. Una soluzione potrebbe essere quella di utilizzare delle pietre molto più piccole sul lato, oppure posizionarle leggermente spostate in avanti, in linea con lo spazio tra un diamante e l’altro della parte superiore. Un dettaglio che permette di mantenere una buona proporzione in termini di dimensioni tra le due file di diamanti e di enfatizzare la V e il risultato si vede. Ecco perché ha personalità. Prezzo: a partire da 2.600 euro.  Monica Battistoni

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Rihanna per tre

Next Story

Quei burloni del Tarì

Latest from Showroom

Un Tango con A.Odenwald

I gioielli mobili made in Germany di A.Odenwald: oro, zaffiri, diamanti, tanti colori ♦ Il gioiello in

I charms di PdPaola

Charms, parola inglese che indica la capacità di affascinare, con un incantesimo che solo Harry Potter