La lavorazione di un gioiello-mosaico
La lavorazione di un gioiello-mosaico

Nuovo vertice per Federpreziosi

Federpreziosi cambia il vertice. L’associazione, che fa parte della costellazione di Confcommercio, coinvolge aziende del comparto orafo italiano, con una predominanza di negozi al dettaglio di orologi, articoli di gioielleria e argenteria. In tutto 13.296 aziende, 33.890 addetti e un fatturato che, nonostante l’effetto pandemia, è stimato in 5 miliardi di euro. Alla guida di Federpreziosi, dunque, sale Stefano Andreis, già vicepresidente, oltre a rappresentare l’Associazione Orafi Federpreziosi Trentino. Andreis subentra a Giuseppe Aquilino, che è stato alla guida della Federazione per due mandati consecutivi, dal 2012, e che ricoprirà la carica di presidente onorario. Andreis, oltre a essere un imprenditore del settore orafo con la San Marco Gioielli, è anche proprietario di una torrefazione ed consigliere del Mart/Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.

Interno della gioielleria Zimmitti
Interno della gioielleria Zimmitti

La capacità di delegare resta il punto di forza per poter gestire nel modo più efficace le complessità  in ogni settore dell’economia e più che mai in quello orafo-gioielliero le cui varie componenti, se pure con differenti esigenze e tematiche, hanno un obiettivo comune: sostenere e sviluppare i preziosi italiani. Ritengo sia importante riaffermare e valorizzare il ruolo del dettaglio orafo: quello di anello di congiunzione fra il pubblico e la produzione. I nostri negozi sono una vera e propria cartina al tornasole che individua praticamente in tempo reale quali sono le tendenze del consumatore, non solo italiano, poiché le nostre vetrine sono le migliori ambasciatrici della bellezza e della qualità del made in Italy.
Stefano Andreis, presidente di Federpreziosi

Stefano Andreis
Stefano Andreis

Le cariche Federpreziosi Confcommercio 2023-2027
Consiglio Direttivo: Vincenzo Aucella, Assocoral; Silvano Barraja, Palermo; Mario Bartucca, Calabria Centrale; Aldo Biscontin, Pordenone; Vincenzo Bonadies, Bari; Vicenzo Buscemi, Ragusa; Salvatore Ciulla, Palermo; Antonio Dascoli, Torino; Giovanni Battista De Meo, Campania; Pierpaolo Donati, Roma; Agostino Gazzo, Genova; Fiorenzo Ghiso, Savona. Massimiliano Martino, Bari. Alessandra Merli, Grosseto; Ciko Orefice, Campania; Marcello Perri, Taranto; Alberto Perini Ravagnan, Venezia; Silvio Maria Salvatori, Foggia; Andrea Sangalli, Lombardia; Pierluigi Sforza, Bologna; Elena Spanò, Firenze/Arezzo; Giorgio Villa, Lombardia.
Collegio dei Revisori: Cristina Antonutti Franz, Udine; Vito D’Ingeo, Bari; Enzo D’Enza, Bari; Giovangiuseppe Lanfreschi, Campania; Francesco Ponzi, Ravenna.
Collegio dei Probiviri: Giuseppe Aquilino, Bari; Davide Bolzoni, Parma; Mario Didone, Roma; Enrico Natoli, Genova.
Amministratore: Mario Didone
Lavorazione di gioielleria
Lavorazione di gioielleria

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Come scegliere gli orecchini per una serata

Next Story

Anche orologi e automi a GemGèneve

Latest from News

Oroarezzo fa spazio al fashion

Dall’11 al 14 maggio torna Oroarezzo 2024, piattaforma internazionale per la produzione industriale del gioiello firmata Italian Exhibition