Collana Constellation con il dispositivo MonSherif
Collana Constellation con il dispositivo MonSherif

Il gioiello che lancia un sos anti-violenza

Aggressioni, stupri, omicidi: per le donne la cronaca quotidiana è sempre una storia di violenza. Ma un gioiello può allontanare il pericolo. È l’idea di MonSherif, una piccola azienda francese: un ornamento che si connette con il cellulare (iPhone o Android) e invia un messaggio geolocalizzato. Non è la prima volta che i gioielli sono proposti con un dispositivo elettronico nascosto che serve a proteggere chi lo indossa. Ma MonSherif è una delle soluzioni che sembra funzionare meglio, è già stata utilizzata da migliaia di donne in Francia.

Bijou MonSherif Mille et une nuits doré
Bijou MonSherif Mille et une nuits doré

L’iniziativa è partita nel 2015 da Dominique Brogi. Il dispositivo elettronico può essere nascosto all’interno di un ciondolo, ma esiste anche una versione minimal, della dimensione di un bottone, che si attacca ai vestiti: per esempio si può occultare agganciandolo alla spallina di un reggiseno. MonSherif si collega via Bluetooth al proprio smartphone e permette di informare o richiedere aiuto a con un clic. I destinatari del messaggio sono quelli scelti e registrati su una app. Possono essere familiari, amici, colleghi, chiunque possa essere di aiuto. Basta una pressione sul gioiello o sulla versione mini del dispositivo, per inviare un sms geolocalizzato. Una doppia pressione veloce, invece, invia un triplo avviso geolocalizzato sotto forma di telefonata, Sms ed e-mail ai destinatari. Interviene in automatico anche un collegamento video per organizzare il soccorso.
Ciondolo con dispositivo di sicurezza inserito. Metallo argentato e cristalli Swarovski
Ciondolo con dispositivo di sicurezza inserito. Metallo argentato e cristalli Swarovski

Infine, c’è una terza possibilità: una pressione prolungata registra l’ambiente sonoro o attiva un allarme. Quest’ultima funzione consente di acquisire prove mediante la registrazione sonora e può essere molto utile per individuare l’aggressore e provare la sua colpa.

Bottone nascosto MonSherif indossato
Bottone nascosto MonSherif

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Lavinia Fuksas, design tra rombi e triangoli

Next Story

Nuovi brand a GemGèneve

Latest from News

Addio a Marina Bulgari

È morta a Roma Marina Bulgari, figlia di Costantino Bulgari, primo figlio di Sotirios (l’altro era