Gioielli, Jewelry, Joaillerie, Joyas, Jewelen

Acquisti online

Gioielli online: sono il futuro?

in money

Le gioiellerie hanno le ore contate? Si venderanno solo gioielli online? Una notizia non troppo brillante, ma che fa riflettere, è riportata dal sito Professional Jewellers: Payne e Son, che iniziato la sua attività nel Kent nel 1790 e poi ha aperto una filiale a Oxford 146 anni fa, ha dovuto chiudere i battenti a causa della crescita dello shopping online. La gioielleria ha subito un declino delle vendite a Natale e ha concluso che non poteva più competere con gli store online. Non è la prima gioielleria che chiude a causa della migrazione delle vendite di gioielli sul canale online, specie gli acquisti tra 50 e 350 euro, ma non solo. Una ricerca di Federpreziosi curata da Spice-Research in collaborazione con Studio EffeErre su un campione di 1.750 intervistati indica che per San Valentino 2016 il 28% di chi ha acquistato un gioiello in Italia si è basato su quanto visto nelle vetrine, ma quasi altrettanto, il 27%, si è affidato al web.
Il trend per i prossimi anni
La ricerca di Federpreziosi concorda con il risultato della ricerca condotta nel 2015 da Exane Bnp Paribas Research assieme a Luxury Goods & ContactLab sul mercato del lusso. Secondo l’analisi della banca francese, il numero di clienti registrati online e digitalmente contattabili continua a salire. Non solo: i clienti che sono coinvolti via web poi spendono più nel negozio (+ 16%). Chi riesce a contattare digitalmente i clienti, può sviluppare piattaforme cross-channel (internet più negozio fisico) e questi client cross-channel spendono più (in media oltre il 60% degli altri). Infine, continua ad aumentare la quota di chi fa acquisti di beni di lusso online ogni anno (dal 30% nel 2011 al 37% nel 2014).
Gli sviluppi
I gioiellieri dovrebbero sapere che, secondo questa analisi, entro il 2020 i marchi di lusso sapranno praticamente tutti i loro clienti, dato che quelli registrati online saranno il 45%, e quelli contattabili via e-mail il 41%. Cioè quasi il 90% di tutti i clienti in-store saranno seguiti online. E, come se non bastasse: la possibilità di usare una piattaforma online decreterà il successo o il fallimento per i marchi di lusso, dato che le vendite di e-commerce saranno almeno due o tre volte quelle attuali. Federico Graglia

Acquisti online
Acquisti online
Tiffany ha da tempo affiancato alla rete di vendite nei negozi una robusta piattaforma online
Tiffany ha da tempo affiancato alla rete di vendite nei negozi una robusta piattaforma online
Gioielleria a Hong Kong
Gioielleria a Hong Kong
Vetrina di gioielleria
Vetrina di gioielleria

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from money

Go to Top