Collana di alta gioielleria di Roberto Coin
Collana di alta gioielleria di Roberto Coin

Le previsioni 2024 per la gioielleria

L’industria italiana del gioiello brilla come quello che produce. I dati della quinta edizione dell’Inchiesta congiunturale promossa da Club degli Orafi Italia – Intesa Sanpaolo, presentati a VicenzaOro, sembrano a prima vista dolci come il miele per le imprese: nel 2023 è salito al 44% (dal 39% di giugno) la percentuale di chi dichiara un fatturato in crescita. L’inchiesta è stata realizzata tra novembre e dicembre 2023 su circa 30 imprese del settore.

Vicenzaoro logo
Vicenzaoro logo

Il 2024 si apre, però, con maggiore incertezza, a causa del rallentamento dell’economia in molti Paesi e delle tensioni geopolitiche. E e si considera l’indice di produzione Istat, si nota un progressivo peggioramento nel corso del 2023, con una media dei primi dieci mesi un leggero calo (-1,4%), comunque più contenuto del dato del sistema moda (-6,6%).

I dati di questa quinta edizione dell’inchiesta congiunturale confermano che il settore orafo, pur nelle incertezze nel panorama economico globale, dimostra una capacità di risposta unica sul panorama produttivo italiano. In previsione del rallentamento dell’economia internazionale, soprattutto nella prima parte dell’anno, sarà cruciale per le Aziende del comparto concentrarsi sul potenziamento della propria competitività attraverso investimenti mirati. Questo approccio strategico consentirà di cogliere la ripresa della domanda e di mantenere una presenza robusta sui mercati internazionali.
Giorgio Villa, Presidente del Club degli Orafi Italia

Giorgio Villa
Giorgio Villa

L’indice Istat del fatturato nel periodo gennaio-ottobre 2023 mostra per l’oreficeria una crescita dell’8,5%, meglio del sistema moda (+3,3%) e del totale manifatturiero (-0,1%). Un risultato messo a segno soprattutto grazie all’export pur in un contesto di domanda mondiale stabile (+0,3% in quantità), le esportazioni italiane di gioielli in preziosi si sono attestate a 6,8 miliardi di euro, in crescita in valore del +12,3% e con una tenuta nelle quantità (+0,9%). In sostanza: aumenta di poco il numero di gioielli o semi lavorati venduti, ma a un prezzo maggiore. Bisogna aggiungere, però, che l’aumento è anche il riflesso dell’inflazione.

Lo scenario di riferimento risulta condizionato dal rallentamento complessivo che si sta manifestando anche per questo settore che però ha mostrato negli ultimi anni una buona capacità di risposta alle crisi, frutto anche del percorso di rafforzamento competitivo. Pur in un contesto più incerto, sarà determinante sostenere la propensione a investire per rafforzare il livello di innovazione ed efficienza dei processi; questi fattori dovranno convivere e massimizzare i punti di forza del settore come l’artigianalità e la flessibilità delle produzioni.
Stefania Trenti, Industry and Local Economies Research, Intesa Sanpaolo

Giorgio Villa, presidente del Club degli Orafi Italia e Stefania Trenti, Responsabile Industry Research, Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo sul palco di Vicenzaoro. Copyright: gioiellis.com
Giorgio Villa, presidente del Club degli Orafi Italia e Stefania Trenti, Responsabile Industry Research, Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo sul palco di Vicenzaoro. Copyright: gioiellis.com

I mercati che sono andati meglio sono (a sorpresa) quello cinese e turco, due economie che non attraversano il loro momento di migliore forma. In dettaglio: crescono gli Stati Uniti (+6,3%) e Francia (+14,2%), ma soprattutto Svizzera (+43,6%), hub logistico delle maison del lusso, Turchia (+59,5%) e Cina (+16,7%). Altri numeri: nel 2022, l’Italia si è confermata il primo esportatore europeo del settore, con 8,2 miliardi di euro, e il quinto a livello mondiale, con una quota pari al 10,1%, in miglioramento rispetto all’8,3% del 2019.

VicenzaOro January. Copyright: gioiellis.com
VicenzaOro January. Copyright: gioiellis.com

Per il 2024 le attese degli operatori mostrano una maggior prudenza, soprattutto per le imprese più piccole, mentre per le imprese medio-grandi permane un 50% di rispondenti che si aspetta un fatturato in crescita. A conferma del peggioramento nelle attese sulla domanda, anche l’indice di produzione Istat evidenzia un progressivo rallentamento nel corso del 2023 che porta il dato dei primi 10 mesi a registrare un leggero calo (-1,4%), comunque più contenuto rispetto al sistema moda (-6,6%).

Lavorazione di gioielleria nell'atelier Crieri
Lavorazione di gioielleria nell’atelier Crieri

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Marco Dal Maso e gli anelli di Orione

Next Story

In viaggio con Buddha to Buddha

Latest from News

Oroarezzo fa spazio al fashion

Dall’11 al 14 maggio torna Oroarezzo 2024, piattaforma internazionale per la produzione industriale del gioiello firmata Italian Exhibition