anelli, bracciale, vetrina — Febbraio 13, 2020 at 4:05 am

Il design originale di Muriel Grateau





Molti a Milano ricordano ancora Muriel Grateau: è stata designer accanto all’imprenditore Diego Della Valle (Tod’s), ma poi nel 1992 è tornata a Parigi.  Disegna oggetti, d’arredamento, accessori, ma anche gioielli imponenti con una personalità audace. Pensate che arriva fino a nascondere i materiali più preziosi, come l’oro sotto lo smalto nero.

Anello in onice intagliato con viso maschile
Anello in onice intagliato con viso maschile

«Creo alta gioielleria che non ha le caratteristiche appariscenti. I miei pezzi non sono per lo status sociale», commenta la designer. I suoi gioielli sono davvero sorprendenti, con ragni d’oro di pizzo, diamanti neri, spille in stile pop, luce e smalti leggermente acidi assieme a zaffiri. Il risultato è una linea di alta personalità, raffinata eleganza, esasperata ricerca. Chi li indossa ne assume una parte di originalità. Ma lei è rimasta interamente una designer e nella sua galleria al 37 di rue de Beaune espone anche le sue collezioni di stoviglie e accessori oltre che gioielli.
Spilla Grand Soleil
Spilla Grand Soleil

Da quando ha iniziato, Muriel Grateau ha seguito la sua strada nel mondo creativo. Ha disegnato vestiti unici, notati da Hélène Lazareff, fondatrice della rivista Elle. Ha poi lavorato a fianco del leggendario designer Peggy Roche. A metà degli anni Sessanta ha preso parte alla creazione di Promostyl, la prima Agenzia di tendenza. E per Basile e Mario Valentino ha disegnato collezioni di ogni stagione. Ha avuto una produzione a valanga: Muriel Grateau si avvicinava a 1.500 modelli per stagione durante gli anni Ottanta.
Anello in onice e corallo
Anello in onice e corallo

La prima collezione di gioielli è del 2005. Ogni pezzo può aver bisogno anche di tre mesi per essere realizzato. «Ho capito subito che la libertà nei monili consiste nell’andare oltre i confini». Così non ci pensa due volte prima di combinare materiali poveri, pietre preziose e alta tecnologia, utilizzando per esempio, il taglio del laser. Per Muriel Grateau, se i suoi gioielli sono imponenti «è solo per il loro volume e non perché devono essere ostentati». Matilde de Bounvilles

Spilla Witch's eye
Spilla Witch’s eye
Muriel Grateau
Muriel Grateau
Bracciale Boule
Bracciale Boule
Orecchini Boule Diamants
Orecchini Boule Diamants

Anello Boule Diamants
Anello Boule Diamants







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *