Oro 18K, diamanti bianchi, smeraldi, zaffiri colorati

I guerrieri di Marco Ta Moko

È affascinato dalla cultura dei maori, gli abitanti nativi della Nuova Zelanda: Marco Ta Moko ha scelto di interpretare i gioielli in un chiave neo-primitiva. Un po’ (con le dovute proporzioni) come i cubisti del primo Novecento, che ammiravano le sculture africane. Lui ha addirittura cambiato nome (in lingua maori Ta Moko significa tattoo, tatuaggio) dal suo originario Marco Dal Maso, discendente di una famiglia di gioiellieri veneti. Ora Marco Ta Moko si ripropone con la collezione Askari. Il riferimento è all’Africa: in arabo la parola askari significa soldato. Ogni pezzo della maison è unico, come l’anima dei guerrieri che interpreta. Giulia Netrese  

 

 

Oro bianco 18K,onice nero, rubini, diamanti champagne
Oro bianco 18K, onice nero, rubini, diamanti champagne

 

 

Oro brunito 18K, micro perle, rubini, diamanti neri
Oro brunito 18K, micro perle, rubini, diamanti neri

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Le fedi in fusione di Haidea

Next Story

Petali di smalto per Chantecler

Latest from Showroom

I gioielli di Giloro

Le creazioni moderne e fantasiose della Maison di Valenza Giloro ♦︎ Una delle aziende di gioielleria