Bronzallure

Vita in rosa con Felicia di Bronzallure

/




Il motto di Bronzallure è «Moi, je vis en rose», cioè io vivo in rosa. Una frase che equivale a una dichiarazione di felicità, stato d’animo che è una medicina più che mai necessaria nella primavera 2022. Non a caso, forse, una delle collezioni proposte per la nuova stagione dal brand milanese si chiama Felicia. Un augurio? Forse. Ma, soprattutto, la collezione ripropone i principali temi di Bronzallure, a partire dal metallo Golden Rose, brevettato da un’idea del creative director Albert Mouhadab. Si tratta, in sostanza, di una lega a base di rame, che è successivamente placcata con oro rosa 18 carati, nickel e cadmium free.

Anello con agata prugna, quarzo fumé e grigio
Anello con agata prugna, quarzo fumé e grigio

Nel caso della collezione Felicia il metallo è accompagnato da pietre naturali multisfaccettate, come quarzo, topazio o ametista, che in qualche caso sono abbinate a cubic zirconia incolori. Le pietre possono essere proposte singolarmente o in un mix, per esempio ametista, amazzonite e quarzo rosa. La collezione è piuttosto ampia e comprende anelli, orecchini e catene con pendente.

Anelli con agata vinaccia, quarzo cloudy e topazio
Anelli con agata vinaccia, quarzo cloudy e topazio
Pendente con quarzo rosa
Pendente con quarzo rosa
Pendente con quarzo fumé
Pendente con quarzo fumé
Orecchini con quarzo cloudy, onice, agata bianca
Orecchini con quarzo cloudy, onice, agata bianca
Orecchini in agata bianca, vinaccia e quarzo cloudy
Orecchini in agata bianca, vinaccia e quarzo cloudy
Orecchini in calcedonio blu
Orecchini in calcedonio blu
Orecchini in calcedonio verde, amazzonite e calcedonio acqua
Orecchini in calcedonio verde, amazzonite e calcedonio acqua

Anelli con ametista, amazzonite e onice
Anelli con ametista, amazzonite e onice







Nel Mediterraneo con Etrusca Gioielli

//




Non si sa, esattamente, da quale area della Terra siano giunti in Italia gli etruschi, una popolazione vissuta tra il IX e il I secolo a.C. Gli etruschi occupavano principalmente una zona che corrisponde all’incirca quella dell’attuale Toscana (ma non solo). Sono considerati, insomma, un popolo mediterraneo e hanno lasciato molte testimonianze della loro cività, tra cui l’introduzione dell’arco di pietra o mattoni in architettura. L’idea che gli etruschi siano i nonni della cultura mediterranea è alla base del brand Etrusca Gioielli, un’idea del gruppo milanese Milor, che promuove anche altri marchi come Bronzallure o Albert M.

Anello placcato oro con spugna-corallo
Anello placcato oro con spugna-corallo

Etrusca Gioielli vuole, insomma, unire il concetto di gioielli a prezzo accessibile con quello di made in Italy, con anelli, bracciali e orecchini in metallo placcato oro 18 carati (oppure in alcuni casi anche con platino) e gemme semi preziose, come turchese, quarzo, pietra luna o corallo spugna (una varietà di corallo con la superficie bucherellata) o perle. In tutto, al momento sono disponibili cinque collezioni: Cruise, Delizia, Miraggio, Moneta, Mosaico, Velvet, Mia.

Collana con turchese della collezione Cruise
Collana con turchese della collezione Cruise
Collana con agata bianca della collezione Cruise
Collana con agata bianca della collezione Cruise
Bracciale con turchese della collezione Cruise
Bracciale con turchese della collezione Cruise
Bracciale con acquamarina della collezione Cruise
Bracciale con acquamarina della collezione Cruise
Orecchini con turchese della collezione Cruise
Orecchini con turchese della collezione Cruise

Orecchini con agata bianca della collezione Cruise
Orecchini con agata bianca della collezione Cruise







Primavera Altissima con Bronzallure

//




Nuovi gioielli da Bronzallure, il brand milanese di gioielli made in Italy di Milor. Tra le ultime novità c’è la collezione Altissima, che comprende una serie di gioielli realizzati con la lega Golden Rose placcata oro rosa 18 carati con l’aggiunta di cubic zirconia o spinelli neri. La collezione comprende anelli, orecchini, bracciali e collane realizzati con la tecnica del pavé oppure in stile tennis. I prezzi sono contenuti grazie alla resa speciale della lega brevettata nel 2015 dalla Maison, Golden Rose.

Anello a fascia placcato oro rosa con cubic zirconia
Anello a fascia placcato oro rosa con cubic zirconia

Si tratta di una lega nobilitata in bronzo, particolarmente adatta ad essere utilizzata nell’ambito dell’industria dell’oreficeria, gioielleria o bigiotteria. Messa a punto con l’expertise dell’Università di Padova, questa lega, secondo il brevetto, «permette un miglioramento delle caratteristiche e dei risultati finali del prodotto finito». La lega è composta principalmente da rame (oltre il 90%), a cui viene aggiunto stagno fino all’8-9%: un metallo che aggiunge buone caratteristiche meccaniche e grande resistenza alla corrosione. Circa il 3%, invece, è argento. Il metallo, poi, viene placcato in oro 18 carati.

Anello multifilo placcato oro rosa e con cubic zirconia
Anello multifilo placcato oro rosa e con cubic zirconia
Bracciale stile tennis con cubic zirconia
Bracciale stile tennis con cubic zirconia
Orecchini placcati oro 18 carati con cubic zirconia
Orecchini placcati oro 18 carati con cubic zirconia
Orecchini pendenti con spinelli neri
Orecchini pendenti con spinelli neri
Orecchini pendenti in stile tennis con cubic zirconia
Orecchini pendenti in stile tennis con cubic zirconia

Anello a cerchio con spinelli neri
Anello a cerchio con spinelli neri







Bronzallure rosa e verde

//




Il mondo è sempre più green e la gioielleria sia adegua. Diamanti e oro sono sempre più monitorati per assicurare una provenienza green. E c’è chi punta tutto su gioielli che di verde hanno la pietra: per esempio, la malachite. Ha compiuto questa scelta anche il marchio milanese Bronzallure, che propone una serie di gioielli in oro rosa accompagnati dalla verde pietra striata.

Anello toi et moi
Anello toi et moi

Il suo colore, che varia tra sfumature di verde chiaro e scuro, fino quasi al blu, ha incantato molti designer. Si solito è una pietra utilizzata in gioielleria soprattutto come cabochon, ma in questo caso Bronzallure ha previsto superfici piatte e tonde. E questo è un bene, perché la malachite non è un minerale particolarmente duro e può rovinarsi se viene urtato o graffiarsi al contatto con oggetti appuntiti. Inoltre, diventa effervescente al contatto con l’acido cloridrico: quindi, la malachite va tenuta lontana da prodotti corrosivi come l’acido muriatico.

Bronzallure, anello in oro rosa e malachite
Bronzallure, anello in oro rosa e malachite
Orecchini pendenti con cerchi in oro rosa e malachite
Orecchini pendenti con cerchi in oro rosa e malachite
Anello in oro rosa e malachite
Anello in oro rosa e malachite
Orecchini con cerchi di malachite
Orecchini con cerchi di malachite

BRONZALLURE WSBZ00708GM DC 1

Orecchini pendenti in oro rosa e malachite
Orecchini pendenti in oro rosa e malachite







L’Aurora rosa di Bronzallure

/





La collezione Aurora di Bronzallure: rosa come il cielo del primo mattino ♦︎

Il Golden Rosé è una particolare lega alla base delle creazioni di Bronzallure, brand dell’azienda milanese Milor. Ed è il metallo utilizzato anche per la nuova collezione Aurora, il fugace momento che segna l’inizio del giorno quando il cielo ha, appunto, una sfumatura di rosa. La lega è stata brevettata dall’azienda in collaborazione con l’Università di Padova e prevede la placcatura in oro 18 carati. Anche la collezione autunnale di Bronzallure prevede, quindi, l’impiego di questo materiale metallico, che secondo quanto assicura la Maison ha il pregio di essere resistente ai graffi e di non cambiare colore con il passare del tempo.

Anello Aurora bombato con pietre nere sintetiche
Anello Aurora bombato con pietre nere sintetiche

La particolarità della collezione Aurora è, invece, il design moderno che prevede un pavé di “pietre naturali certificate”, come morganite e cubic zirconia (che però non è una pietra naturale, ma sintetica). Proprio come il sole che sorge all’alba, la superficie di pietre sembra incedere in una lenta progressione sul metallo. Da segnalare anche che tutti i gioielli Bronzallure sono ipoallergenici, cadmium e nichel free.





Anello Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia
Anello Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia

Collana con anello Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia
Collana con anello Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia
Anello a fascia in Golden Rosé e moissanite
Anello a fascia in Golden Rosé e moissanite
Anello a fascia  in Golden Rosé e cubic zirconia
Anello a fascia in Golden Rosé e cubic zirconia

Orecchini Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia
Orecchini Aurora in Golden Rosé e cubic zirconia







Bronzallure primavera estate

//





Pietre dure naturali e Golden Rosé, la lega brevettata da Bronzallure: ecco i gioielli per la primavera estate ♦︎

Bronzallure, marchio del gruppo milanese Milor, ha caratterizzato la sua produzione con il Golden Rosé, una lega brevettata placcata in oro rosa 18 carati, a cui si aggiungono spesso pietre dure naturali certificate. Nel tempo, poi Bronzallure ha allargato la sua offerta anche ai colori dell’oro bianco e giallo, per venire incontro alle preferenze di una parte della clientela. Ma il suo formato preferito rimane il gioiello in Golden Rosé. È così anche per i gioielli destinati all’offerta per la primavera estate 2019, a cui sono accostate pietre tagliate in modo morbido e arrotondato.

Le pietre sono a forma a cerchio, ovale, cabochon, oppure a quadrato con i bordi arrotondati sono incastonate in anelli, orecchini e pendenti.

Anello con amazzonite
Anello con amazzonite

Le pietre comprendono una ampia gamma di colori: la rodonite rosa scuro, il lapis blu intenso, la magnesite azzurra mare, il romantico quarzo rosa, la grigia labradorite, il verde acqua della amazzonite, il nero dell’onice, il cangiante bianco della madreperla. Non c’è che scegliere il colore giusto per voi. Lavinia Andorno

Leggi anche: 5 domande per scoprire qual è il gioiello giusto per voi


Anello con quarzo rosa
Anello con quarzo rosa

Pendente con onice
Pendente con onice
Orecchini con labradorite
Orecchini con labradorite
Anello con quarzo rosa cabochon
Anello con quarzo rosa cabochon

Bracciale con quarzo rosa cabochon
Bracciale con quarzo rosa cabochon







L’Alba di Bronzallure

///

La collezione Alba di Bronzallure per la primavera estate 2019: gioielli con placcatura in oro e pietre dure ♦︎

Come ogni primavera sbocciano nuove collezioni di gioielleria. Tra le novità ci sono quelle firmate da Bronzallure, marchio che fa parte del gruppo Milor, azienda con sede a Milano, dove avviene anche la realizzazione dei gioielli. Anche la collezione Alba di Bronzallure utilizza Golden Rose, la lega brevettata placcata in oro rosa 18 carati che è la caratteristica del brand.

Assieme all’impostazione in metallo, anallergica, nickel free e cadmiun free, la collezione utilizza un’ampia gamma di pietre dure.

Anello con quarzo rosa
Anello con quarzo rosa

Per esempio, amazzonite, agata verde, labradorite, aquamarina, quarzo rosa, agata bianca e viola, onice nero, pirite iridescente, rodolite. Per i singoli gioielli, di solito, Bronzallure non specifica quale pietre è utilizzata. In compenso, sul sito della Maison si trova una pagina che aiuta a comprendere di quale pietra è stata scelta. Come per le altri collezioni di Bronzallure, anche Alba sceglie uno stile semplice, con pietre sfaccettate o cabochon, disegni puliti e prezzi modici: non si superano i 170 euro.

Bracciale magnesite
Bracciale magnesite
Bracciale con onice
Bracciale con onice

 

Bracciale con malachite
Bracciale con malachite
Bracciale con catena Golden Rose e onice
Bracciale con catena Golden Rose e onice
Orecchini con quarzo fumé
Orecchini con quarzo fumé
Orecchini con lapislazzulo
Orecchini con lapislazzulo
Orecchini con onice
Orecchini con onice
Pendente della collezione Alba
Pendente della collezione Alba
Collana con ciondolo in quarzo rosa
Collana con ciondolo in quarzo rosa







VicenzaOro, tra le novità c’è l’addio di Marzotto





Il vice presidente di Ieg, Matteo Marzotto, lascia con polemica, mentre si prepara l’edizione di VicenzaOro January ♦︎

Si annunciano già le prime novità per la prossima edizione di VicenzaOro January. Ma all’appuntamento dell’edizione invernale della fiera dedicata al gioiello brillano anche le polemiche. Che non possono lasciare indifferenti gli addetti ai lavori.

Qualche giorno fa, infatti, Matteo Marzotto, vice presidente di Ieg, società nata dall’unione di Fiera Rimini con Fiera Vicenza, si è dimesso dalla carica, in polemica con l’ottuagenario presidente di Italian Exhibition Group, Lorenzo Cagnoni.

Da sinistra, Matteo Marzotto, Lorenzo Cagnoni, Ugo Ravanelli
Da sinistra, Matteo Marzotto, Lorenzo Cagnoni, Ugo Ravanelli, ad di Ieg

Non è un addio da poco, visto che a Marzotto va riconosciuto il merito di aver rilanciato VicenzaOro, oltretutto in un momento difficile per l’economia italiana. Nuove idee, dinamismo e le relazioni personali di Marzotto sono state la ricetta per il nuovo volto del format, esportato poi con successo all’estero. Tutto questo, però, non sembra essere bastato alla nuova gestione dell’azienda fieristica. Più che una fusione tra due soci, è il senso dell’addio di Marzotto, si è trattata di un’Opa di Rimini su Vicenza. E per Ieg, che ha come traguardo la quotazione in Borsa, quello di Marzotto non è un addio di poco conto.

La distanza era già apparsa palese durante l’ultima edizione di VicenzaOro September, in cui Marzotto non era coinvolto.

Matteo Marzotto, presidente di Fiera Vicenza (a sinistra) e Corrado Facco, direttore generale
Matteo Marzotto, ex presidente di Fiera Vicenza (a sinistra) e Corrado Facco, ex direttore generale

L’imprenditore veneto, in ogni caso, non ha usato mezzi termini e ha denunciato in una lettera il mancato «rispetto istituzionale del socio di minoranza, troppo spesso mal tollerato a tenuto in disparte, anche in occasioni di importanti decisioni, come quella dell’assegnazione della progettazione per gli ampliamenti dei quartieri fieristici, portata in cda dall’ad Ravanelli a cose ampiamente fatte e per mera informativa».

La lettera di Marzotto sottolinea anche quanto gli addetti ai lavori commentano negativamente da tempo: il frettoloso licenziamento dell’ex direttore di Fiera Vicenza, Corrado Facco, braccio destro di Marzotto e co-artefice del rilancio di VicenzaOro.

«Il nostro modo di vedere è opposto praticamente su tutto, tranne che sulla bontà della fusione delle due società fieristiche e della loro quotazione in Borsa», ha concluso con amarezza Marzotto.

VicenzaOro September
VicenzaOro September

Forse anche per stendere un velo su questo epilogo poco commendevole, Ieg inizia ad accendere le luci sul prossimo appuntamento. Ecco le novità: Roberto Coin presenterà le nuove versioni della collezione Princess Flower, Damiani le estensioni delle collezioni D.Side, Eden e dell’iconica Belle Epoque (chissà se le aziende sono contente di perdere l’effetto sorpresa). Nell’area Icon non mancheranno Fope, Crivelli, Leo Pizzo, Tamara Comolli, Djula. Una conferma è anche quella di Alessio Boschi nell’area Design Room, nella quale si troverà anche la designer-artista parigina Lydia Courteille, il vicentino Mattia Cielo (per lui un ritorno) e Monica Rich Kosann. Conferme anche per Giovanni Raspini, Rue de Milles, Victoria Cruz, Bronzallure, Crieri. Cosimo Muzzano





VicenzaOro January
VicenzaOro January 2017

L'area Design Room a VicenzaOro September
L’area Design Room a VicenzaOro September

Alessio Boschi
Alessio Boschi

Jessica Kahawaty e Roberto Coin
Jessica Kahawaty e Roberto Coin

Interno di Fiera Vicenza September. Foto di Carolina Nobile
Interno di Fiera Vicenza September. Foto di Carolina Nobile







I cuori di Bronzallure





Bronzallure lancia una capsule collection per San Valentino: pietre naturali e metallo placcato oro rosa.

Una capsule collection dedicata a S.Valentino. La propone il brand Bronzallure Milano, che fa parte del gruppo Milor. I gioielli sono realizzati in in Golden Rosè con pietre naturali, in particolare nelle tonalità del rosso, dell’azzurro e del rosa, più zirconi. Le pietre utilizzate sono quarzo, agata e corniola, mentre il metallo è placcato in oro rosa. La capsule collection si distingue per la forma conferita alle pietre, nella classica sagoma del cuore, ma appena accennato. I prezzi non dovrebbero discostarsi troppo da quelli abituali del marchio: un centinaio di euro per l’anello, meno di 200 euro per il bracciale, mentre la collana è sotto quota 150 euro. Margherita Donato





Orecchini in oro rosato, zirconi e pietre naturali
Orecchini in oro rosato, zirconi e pietre naturali

Bracciali in oro rosato, zirconi e pietre
Bracciali in oro rosato, zirconi e pietre
Collane con pendenti
Collane con pendenti

Collane con pendenti
Collane con pendenti







Un brindisi con Bronzallure



Il colore dell’oro rosa abbinato a scintillanti zirconi bianchi: è la ricetta di Bronzallure per chi vuole festeggiare.

Per Natale, Capodanno, ma anche per una festa organizzata alla sera, sono necessarie due cose: una bottiglia di vino bianco con bollicine (champagne o spumante italiano, fate voi) e gioielli che sappiano brillare anche con le luci basse delle lampadine, come piccoli lampi nel buio. E saper scintillare al buio è proprio una caratteristica dei gioielli che abbinano il metallo alle pietre. È il caso dei bijoux firmati da Bronzallure: orecchini, anelli, bangles e collier che hanno il pregio di essere proposti a un prezzo molto accessibile. Sono in metallo placcato oro rosa con un sistema brevettato (si chiama Unique Golden Rosé ed è il frutto di di dieci anni di ricerche), con l’aggiunta di pavé di zirconi bianchi. Il colore rosa della placcatura è, infatti, un segno distintivo del brand milanese, che ora è distribuito in 43 Paesi del mondo. L’effetto è molto appariscente, ma l’abbinata di placcatura e zirconi tiene il prezzo in media tra 100 e 150 euro. Margherita Donato

Rokoko baroque earrings. Prezzo: 129 euro
Rokoko baroque earrings. Prezzo: 129 euro
Altissima snake pave bangle. Prezzo: 199 euro
Altissima snake pave bangle. Prezzo: 199 euro
Altissima whirls fancy pave earrings. Prezzo: 139 euro
Altissima whirls fancy pave earrings. Prezzo: 139 euro
Altissima squared pave dangle ring. Prezzo: 99 euro
Altissima squared pave dangle ring. Prezzo: 99 euro
Preziosa shiny round ring. Prezzo: 109 euro
Preziosa shiny round ring. Prezzo: 109 euro
Altissima shiny ring with cubic zirconia. Prezzo: 129 euro
Altissima shiny ring with cubic zirconia. Prezzo: 129 euro
Altissima whirls fancy pave rolo necklace. Prezzo: 139 euro
Altissima whirls fancy pave rolo necklace. Prezzo: 139 euro
Alba flower embroidery pavé ring. Prezzo: 119 euro
Alba flower embroidery pavé ring. Prezzo: 119 euro

Altissima shiny oval link necklace with pave pendant. Prezzo: 309 euro
Altissima shiny oval link necklace with pave pendant. Prezzo: 309 euro




Elite, gioielli in passerella

Accordo di Milor (Bronzallure) con l’agenzia internazionale di modelle Elite.

Sono in arrivo i gioielli a marchio Elite, network internazionale di model management. Il marchio ha siglato un accordo con Milor, azienda milanese che, tra l’altro, produce il brand Bronzallure. Milor ha formato un contratto di licenza per lo sviluppo, produzione e distribuzione della prime collezioni di gioielli a firma Elite Jewelry. Sono bijoux definiti tra lo streetwear e lo stile neo-romantico. I gioielli utilizzano pietre come lo spinello nero, montati su argento. Oppure una collana lunga, a bacchette, luminosissima e rodiata. Elite è un marchio fondato nel 1972 a Parigi, e che è entrato a far parte del fondo Pgm Group (Pacific Global Management) nel 2011. Oggi è un network attivo in circa 30 Paesi, con proprie agenzie dirette sia nelle capitali delle principali fashion weeks, Parigi, Londra, Milano e New York. L’attività principale consiste nella gestione di modelle e modelli. Qualche nome: Alessandra Ambrosio, Constance Jablonski, Sigrid Agren, Nyasha Matonhodze, Eniko Mihalik, Ming Xi, Fei Fei Sun.

Elite, gioielli con spinello nero su argento
Elite, gioielli con spinello nero su argento

Il nuovo volto di Bronzallure

Bronzallure autunno inverno, la collezione ha il volto di Martina Colombari.

Bronzallure è un giovane brand della milanese Milor (ne abbiamo già parlato qui). A VicenzaOro September la Maison ha lanciato la collezione autunno-inverno che, oltre a comprendere nuovi pezzi, ha anche un volto: quello di Martina Colombari, modella ed ex miss Italia. «È stato un riconoscimento reciproco», spiegano a gioiellis.com Albert e Moshe Mouhadab, due dei tre fratelli al timone dell’azienda.

Domanda. Qual è stato il filo conduttore per questa nuova collezione?

Risposta. La collezione FW1617 di Bronzallure Milano è pensata per una donna contemporanea, dinamica e alla ricerca di un gioiello da indossare da mattino a sera. Il filo conduttore è l’eleganza alla milanese: sobria, ma decisa.

D. Il disegno dei gioielli si richiama a qualcosa in particolare?

R. Ogni creazione Bronzallure Milano scaturisce da un’ispirazione: uno spunto di viaggio, un dettaglio di architettura, un elemento di natura. Il nostro lavoro è dinamizzare l’ispirazione, renderla pratica, studiando i volumi ed i pesi in modo che ogni oggetto rispetti l’incontro di forma e funzione grazie a un’ingegnerizzazione attenta e a un gusto indipendente.

D. Che tipo di pietre sono state utilizzate?

R. Esclusivamente pietre certificate di massima qualità: principalmente naturali, semi preziose come il calcedonio, ma anche la madreperla, sono le sole capaci di restituire quel concetto di eleganza e di qualità proprio del marchio. In secondo luogo, per i pezzi più da cocktail utilizziamo il cubic zirconia.

D. Perché è stata scelta di Martina Colombari come ambasciatrice della linea?

R. L’incontro con Martina Colombari è stato un riconoscimento reciproco: da sempre pensiamo che l’ambasciatrice di Bronzallure Milano sia una donna come lei. Al contempo sofisticata e accessibile, raffinata e decisa, portavoce dell’eleganza italiana nel mondo e anche madre e moglie. Una donna complessa, ma diretta e raffinata.

D. Qual è il range di prezzi dei gioielli?

R. I nostri gioielli sono in vendita da 79 euro, posizionandosi su una fascia di lusso accessibile.

D. Dove sono distribuiti i gioielli? 

R. Attraverso il nostro network di oltre 2000 punti vendita multimarca e sul sito bronzallure.it.

Alba collection, orecchini
Alba collection, orecchini
Alba collection, orecchini
Altissima collection, bracciale
Alba collection, bracciale con pavé
Alba collection, bracciale con pavé
Anelli con zirconi
Anelli con cubic zirconia
Anello con pavé di cubic zirconia
Anello con pavé di zirconi
Collezione Baccarà, con spinello nero
Collezione Baccarà, con spinello nero
Collezion FW 2016, Martina Colombari
Collezion FW 2016, Martina Colombari
Collezion FW 2016, Martina Colombari
Collezion FW 2016, Martina Colombari
Moshe (a sinistra) e Albert Mouhadab, rispettivamente anima commerciale e creativa di Bronzallure Milano
Moshe (a sinistra) e Albert Mouhadab, rispettivamente anima commerciale e creativa di Bronzallure Milano
Collezione Purezza, bracciale Popcorn
Collezione Purezza, bracciale Popcorn
Collezione Romanze, bracciale Sphere
Collezione Romanze, bracciale Sphere
Collezione Victoria, bracciale OavlRolo
Collezione Victoria, bracciale OavlRolo

Milor, l’importante è diversificare

La sua ultima creazione è il brand Bronzallure (ne abbiamo parlato qui). Ma in realtà il gruppo Milor, con sede a Milano, è attivo nella gioielleria dal 1979 e ha al suo portafogli anche marchi come Etrusca e Modora, già ampiamente affermati. Fondata da Joseph Mouhadab, commerciante di preziosi e pietre, Milor ha continuato la sua attività diversificando su gioielli ti tipo diverso. È un’azienda consolidata, che segue tutto il processo di produzione delle diverse collezioni, dalla progettazione alla realizzazione. Ai tre brand autonomi si aggiunge Creative Lab, definito «sistema creativo in evoluzione, un laboratorio dove le idee più fantastiche diventano collezioni di gioielli alla moda». Da Creative Lab escono pezzi come quelli che vede in questa pagina, suddivisi in linee come Milor Gold, Silver, Steel, Zirconia, Crystal, Gemstones, Bronze.  Alla diffusione dei suoi gioielli, in Europa, negli Stati Uniti e in Medio Oriente, hanno contribuito anche le partnership con grandi emittenti televisive, come Qvc, che hanno permesso ai gioielli Milor di essere distribuiti subito in ambito internazionale. Margherita Donato

Anelli con pietre
Anelli con pietre
Bracciale in oro
Bracciale in oro
Bracciale in filigrana
Bracciale in filigrana
Bracciale Tigre e anello Leone
Bracciale Tigre e anello Leone
Collana di Creative Lab
Collana di Creative Lab
Orecchini a foglia
Orecchini a foglia
Orecchini con ametiste
Orecchini con ametiste
Orecchini con calcedonio
Orecchini con calcedonio

Anteprima: le novità di Bronzallure

È già tempo di primavera-estate per Bronzallure. Il giovane brand di gioielleria, nato solo quattro anni fa a Milano, si prepara al mercato della nuova stagione 2016 con una serie di gioielli che presentiamo in anteprima. Per la bella stagione i designer di Atelier Bronzallure hanno tratto ispirazione da un contesto urbano, con l’uso di pietre semi-preziose come il calcedonio, l’acquamarina lattiginosa e quarzo rosa. Gli anelli, placcati oro rosa, sono tutti realizzati con pietre preziose naturali e colori vivaci. Gli anelli Mon Contrarié, per esempio, utilizzano calcedonio, quarzo e zirconi. Va ricordato che il brand utilizza una speciale lega metallica, chiamata Bronzallure, di tonalità rosé: l’idea è quella di unire la robustezza del bronzo in una miscela bagnata in oro 18 carati. La lega è stata realizzata con l’aiuto dell’Università di Padova, che ha messo a punto questo procedimento, ed è stata anche brevettata (numero brevetto 1415168). Ora il brand nato su iniziativa dell’azienda milanese di origine libanesi Milor Group punta in alto e ha prenotato un posto al prossimo Baselworld. Giulia Netrese

Anelli Bronzallure con pietre dure
Anelli Bronzallure con pietre dure
Anelli Mon Contraré, con calcedonio, quarzo rosa e acquamarina
Anelli Mon Contraré, con calcedonio, quarzo rosa e acquamarina
Bronzallure, primavera -estate 2016
Primavera -estate 2016
Anelli della collezione Bon Bon
Anelli della collezione Bon Bon
Bronzallure, anello Arrow
Bronzallure, anello Arrow

I Bon Bon di Bronzallure

Tra le novità a VincenzaOro 2015 settembre ci sono anche i gioielli di Bronzallure, in particolare gli anelli. L’idea dell’azienda, la milanese di origine libanesi Milor Group, è quella di unire la robustezza del bronzo in una miscela bagnata in oro 18 carati. Insomma, metallo storico con metallo nobile. Un’idea nata nel 2011 con l’aiuto dell’Università di Padova, che ha messo a punto questa lega metallica originale. Tanto esclusiva che è stata anche brevettata. Il risultato del mix tra bronzo e oro è un metallo dalla sfumatura rosa. La lega è anche anallergica e senza nickel. Ed ecco le novità di Bronzallure: i Bon Bon Bague sono anelli, ma non realizzati solo in metallo. Utilizzano il calcedonio, pietra con tonalità che vanno dal blu delicato, al rosa, al verde pallido. Ad arricchire gli anelli si aggiungono i pavé in zirconi o pietre naturali. Al repertorio di Bronzallure vanno poi aggiunte le collane e i bracciali: Knots, Arrows, e i Cocktail Rings. I prezzi oscillano da 49 a 300 euro.

Anello della collezione Arrow
Anello della collezione Arrow
Anello della collezione Arrow
Anello della collezione Arrow
Anello della collezione Cocktail Ring
Anello della collezione Cocktail Ring
Anello di Bronzallure
Anello di Bronzallure
Collezione Knots
Collezione Knots