Collane, news — luglio 4, 2018 at 4:11 am

Damiani cerca orafi e incastonatori. Ecco a chi rivolgersi




Gioiellieri in carriera: Damiani organizza corsi per incastonatori e orafi al banco. Siete interessati? Allora scrivete a… ♦

Volete diventare incastonatori di gemme? Vi piacerebbe imparare le tecniche di lavorazioe orafa? Siete disposti a trasferirvi a Valenza? Se la vostra risposta è affermativa, ecco un’occasione. Dopo aver annunciato l’acquisto della ex area Expo di Valenza, il Gruppo Damiani, ha deciso di investire nei giovani talenti con il progetto Damiani Academy. È un progetto di formazione, spiega un comunicato, che ha l’obiettivo di creare specializzazioni tecniche verticali in ambito di produzione orafo-artigianale, grazie a un percorso specifico finalizzato a formare professionisti da inserire nel mondo del lavoro.

Che cosa prevede l’iniziativa, che è gestita in collaborazione con Manpower? Damiani cerca candidati da inserire gratuitamente nei corsi di specializzazione organizzati nell’ambito della Damiani Academy. I corsi offrono la possibilità di un successivo inserimento definitivo in azienda. La prima figura richiesta è quella di Incastonatore di pietre preziose.

Il corso per diventare incastonatore è articolato in sei settimane (240 ore di frequenza), prevede sia formazione teorica in aula che addestramento pratico all’interno del Laboratorio Damiani. È composto di due moduli differenziati. Questo corso di studi prevede l’apprendimento della funzione e corretto utilizzo degli strumenti indispensabili alla professione di incassatore, le tecniche di esecuzione dei tagli e bloccaggio delle pietre, la conoscenza ed esecuzione dei più importanti tagli usati, l’incastonatura delle pietre.

L’altro indirizzo è quello chiamato Orafi al banco. Prevede la conoscenza della funzione e corretto utilizzo degli strumenti indispensabili alla professione di orafo, delle tecniche di lavorazione orafa, la realizzazione di un gioiello.

Bloody Mary (1986). Maria Tudor ispira questo collier che ricorda le antiche gorgiere elisabettiane. La variazione cromatica dell'oro brunito e dell'oro giallo, i 1121 diamanti taglio brillante e a taglio baguette, per un totale di 88 carati, interpretano l'intreccio di tessuti e ricami. Una lavorazione molto impegnativa ha modellato l'oro come onde sulle quali sono incastonate le pietre: il metallo sembra una soffice stoffa
Bloody Mary (1986). Maria Tudor ispira questo collier che ricorda le antiche gorgiere elisabettiane. La variazione cromatica dell’oro brunito e dell’oro giallo, i 1121 diamanti taglio brillante e a taglio baguette, per un totale di 88 carati, interpretano l’intreccio di tessuti e ricami. Una lavorazione molto impegnativa ha modellato l’oro come onde sulle quali sono incastonate le pietre: il metallo sembra una soffice stoffa

Il profilo richiesto dall’azienda
«Il corsista ideale è fortemente motivato a intraprendere un percorso professionale finalizzato all’inserimento lavorativo nella culla italiana dell’arte orafa come incastonatore oppure orafo da banco; ha uno spiccato interesse per il settore e l’ambizione di costruirsi un percorso di carriera nell’arte del gioiello partendo dall’acquisizione delle competenze artigianali necessarie nel contesto produttivo specifico; ha passione per il Made In Italy e la qualità; ha buona capacità manuale e predisposizione per lo svolgimento di mansioni che implicano alta precisione e attenzione al dettaglio. Il candidato è in possesso di diploma o attestato di qualifica professionale in ambito orafo o artistico (per esempio, qualifiche quali restauratori o affini). È determinato a frequentare il corso di specializzazione Damiani Academy presso la sede di Valenza (Alessandria). L’ammissione al corso è sottoposta alla verifica dei requisiti richiesti e alla valutazione emersa durante l’iter di selezione. Il corso è rivolto a disoccupati».

Le candidature possono essere inviate sul sito di Manpower al seguente link:

www.manpower.it/azienda/damiani-academy





Bracciale Flash (1992), che unisce ad un design avvincente e aggressivo una sorprendente ricchezza di materiali: 88 carati di diamanti, 184 grammi di platino e 188 grammi d’oro

Onda Marina (1988), bracciale che si snoda in eleganti volute illuminate da 644 diamanti, tagliati a brillante e a baguette, per un totale di 46 carati, raggiungendo uno spettacolare effetto d’imponenza e plasticità
Onda Marina (1988), bracciale che si snoda in eleganti volute illuminate da 644 diamanti, tagliati a brillante e a baguette, per un totale di 46 carati, raggiungendo uno spettacolare effetto d’imponenza e plasticità
Spaziale (1988). Collier che si distingue per il contrasto dei materiali e per l’avveniristica purezza di linee. Le fasce a scomparsa sono in platino satinato e in oro giallo, quest’ultimo intessuto di 646 diamanti taglio brillante e 476 diamanti taglio baguette, per un totale di 128 carati. Innovativa la soluzione adottata per la chiusura, che aprendo in due questo collier rigido e massiccio, permette un indosso confortevole
Spaziale (1988). Collier che si distingue per il contrasto dei materiali e per l’avveniristica purezza di linee. Le fasce a scomparsa sono in platino satinato e in oro giallo, quest’ultimo intessuto di 646 diamanti taglio brillante e 476 diamanti taglio baguette, per un totale di 128 carati. Innovativa la soluzione adottata per la chiusura, che aprendo in due questo collier rigido e massiccio, permette un indosso confortevole







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *