bijoux — aprile 18, 2017 at 4:00 am

Chreo una sorpresa

Le sorprendenti creazioni (una in particolare) della designer napoletana che ha fondato Chreo ♦

Sul suo sito esordisce così: «Il mio nome è Daniela Montella, ma chiamatemi pure Chreo». Questo nome d’arte, che suona il verbo creare con in più una «h», ha una sua ragione nel curriculum della designer: diploma di Maturità d’Arte applicata nella sezione Metalli e Oreficeria all’Istituto d’Arte di Napoli, poi apprendista in diversi laboratori a contatto con diversi maestri artigiani, e differenti tecniche.

Racconta sempre Daniela Montella che queste esperienze le hanno insegnato a costruire gioielli stile Ottocento, Art Déco, anni Cinquanta. Per farla breve: non è una di quelle designer che hanno un’idea, disegnano uno schizzo su un foglio e poi lasciano agli orefici il compito di realizzare le collezioni. Lei, vera artigiana di formazione, conosce problemi e regole da seguire per traformare le idee in gioielli. Ed ecco i suoi bijoux riprodotti con la tecnica della microfusione e sgrossati, assemblati e rifiniti a mano. Gli elementi colorati, peculiarità della linea, sono in resina. Secondo la sua descrizione, la lavorazione è lunga e complessa: miscelazione dei pigmenti per ottenere il colore desiderato, il colaggio, con l’attenzione per evitare la minacciosa presenza di bolle d’aria, le numerose fasi di rifinitura…

Va aggiunto un capitolo per spiegare il nome, non usuale, di una delle sue collezioni: shit. È un augurio di successo utilizzato in molti Paesi tra gli attori, a teatro. L’origine deriva dal tempo in cui si andava a teatro con carrozze trainate da cavalli. Se lo spettacolo era un successo il via vai dei cocchi era notevole, come pure la quantità di escrementi che gli animali lasciavano sulla strada e che il pubblico, involontariamente, introduceva all’interno della sala. Più persone intervenivano, più escrementi c’erano, decretando così il successo dello spettacolo. Così Chreo ha pensato a una beneaugurante collezione con gioielli che contengono sterco di cavallo. Ben sigillato nella resina, si intende. Giulia Netrese

Anello della collezione Hypnos quadrato

Anello della collezione Hypnos quadrato, argento e resina

Anello della collezione Hypnos con tondi

Anello della collezione Hypnos con tondi, argento e resina

Ciondolo in argento e resina con sterco di cavallo

Ciondolo in argento e resina con sterco di cavallo

Ciondolo della collezione Hypnos

Ciondolo della collezione Hypnos

Pendente double face in argento, con la scritta di una bambina e una goccia di sangue del padre

Pendente double face in argento, con la scritta di una bambina e una goccia di sangue del padre

Pendente in argento e resina della collezione Hypnos

Pendente in argento e resina della collezione Hypnos

Pendente in argento e resina che contiene acqua di mare di Capo Miseno e sabbia

Pendente in argento e resina che contiene acqua di mare di Capo Miseno e sabbia


One Comment

  1. Pingback: Chreo? Una sorpresa! – CHREO | Daniela Montella | Tracce di vissuti preziosi

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*