Anello in oro 18 carati e argento, con citrino
Anello in oro 18 carati e argento, con citrino

Alisa, made in Italy americano




Come si fa a proclamare «l’essenza della creatività italiana» da Englishtown, New Jersey? L’idea è di Lisa Morgan, che con la sua Alisa, brand tutto a stelle e strisce, ha trovato la soluzione: fabbrica tutti i suoi gioielli nei dintorni di Arezzo, da uno dei tanti produttori per conto terzi della capitale dell’oreficeria. Bracciali in oro o anelli, dalle forme molto yankee anche se realizzati in Italy. Tra gioielli in oro e diamanti 18 carati, i prezzi oscillano tra mille e 1.800 dollari. Insomma, una co-produzione Italia-Usa: è l’uovo di Colombo, che non a caso ha scoperto l’America.

Bracciale in argento e smalto a sostegno dell'Ucraina
Bracciale in argento e smalto a sostegno dell’Ucraina

Questo tandem da una parte all’altra dell’Oceano Atlantico continua con successo dal 1995. Tra le collezioni di maggior successo si segnalano Traversa e Cortona, che utilizza all’esterno un filo intrecciato come motivo conduttore. Non mancano gioielli che utilizzano pietre, come diamanti bianchi o cognac. In linea di massima, il design dei gioielli è abbastanza marcato, forse per adattarsi a corpi di generose dimensioni, chissà.

Anello in argento e oro con topazio
Anello in argento e oro con topazio
Orecchini Traversa in argento e rondella in oro
Orecchini Traversa in argento e rondella in oro
Orecchini in argento e rondella in oro
Orecchini in argento e rondella in oro
Orecchini Traversa in argento e oro
Orecchini Traversa in argento e oro
Anello in oro 18 carati e argento, con perla
Anello in oro 18 carati e argento, con perla

Anello in oro 18 carati e argento, con citrino
Anello in oro 18 carati e argento, con citrino







Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Il ritorno dell’anello chevalier

Next Story

Bentley & Skinner, passato prezioso

Latest from Showroom

Chantecler rinnova Joyful

La collezione Joyful riflette una delle caratteristiche di Chantecler: la nostalgia per il passato e l’estetica