Vicenzaoro logo
Vicenzaoro logo. Copyright: gioiellis.com

Vicenzaoro pronta ad allargarsi

Aumento del 3% delle presenze. Contatti media totali oltre i 230 milioni. Visualizzazioni dei profili degli espositori sulla piattaforma online B2B circa 260mila (+30% rispetto a gennaio 2023). Il bilancio di Vicenzaoro January sembra roseo. E ora Ieg, la società che organizza la più prestigiosa fiera europea del gioiello, si appresta a investire 60 milioni per ampliare gli spazi in vista del prossimo appuntamento, fissato dal 6 al 10 settembre 2024. I 70 anni, insomma, Vicenzaoro non li vive male.

Visitatori a Vicenzaoro
Visitatori a Vicenzaoro. Copyright: gioiellis.com

Il bilancio dell’edizione di gennaio indica anche in 141 i Paesi del mondo presenti a Vicenza con espositori o buyer, in crescita dai 136 del 2023: il 53% dall’Europa, il 9,3% dal Medio Oriente. Poi, Asia (10,5%), Turchia (8%), Nord America soprattutto per gli Usa (7,2%), America Latina (5,1%), Africa (4,9%). Per singoli Paesi l’incremento maggiore è stato per Cina (+188%), Giappone (+44%), Colombia (+38%), Brasile (+36%) e Francia (+25%). La gioielleria, d’altra parte, vive un momento positivo, anche se si fa strada qualche ombra legata soprattutto alle tensioni internazionali.
Vicenzaoro January. Copyright: gioiellis.com
Vicenzaoro January. Copyright: gioiellis.com

C’è anche una novità: dal prossimo anno (2 al 4 settembre 2025) Ieg ha previsto un nuovo appuntamento internazionale: The Vicenza Symposium che eredita l’esperienza del Santa Fe Symposium, chiuso nel 2022: un evento nato a metà degli anni Ottanta, con l’obiettivo di approfondire i temi della produzione di gioielli.
Vicenzaoro January, ingresso. Copyright: gioiellis.com
Vicenzaoro January, ingresso. Copyright: gioiellis.com

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Alta gioielleria di Graff a Parigi

Next Story

GemGenève torna e punta sull’opale

Latest from News

Addio a Marina Bulgari

È morta a Roma Marina Bulgari, figlia di Costantino Bulgari, primo figlio di Sotirios (l’altro era