Anello in oro bianco con zaffiro a cuscino del peso di 4,35 carati, contornato da diamanti
Anello in oro bianco con zaffiro a cuscino del peso di 4,35 carati, contornato da diamanti

I gioielli battuti da Faraone Casa d’Aste

La vendita di gioielli organizzata da Faraone Casa d’Aste a Milano ha raccolto un discreto successo, con il 73% di venduto sui 307 lotti presentati. Gioielli che in parte sono stati preceduti da una lunga serie di offerte pre-asta. La casa d’aste di Via Montenapoleone ha chiuso il suo secondo e ultimo appuntamento annuale con il top lot, un anello in oro bianco con zaffiro a cuscino del peso di 4,35 carati e contornato da diamanti, con un prezzo di partenza di appena 2.000 euro, dopo una serie di rilanci da parte del pubblico in sala, via telefono e App MyFaraone, è stato battuto per 18.000 euro. Un bracciale tubogas firmato Bulgari, collezione Monete, di fine anni Ottanta in oro giallo con tre monete in argento Gallia Massalia, partito da 3.000 euro è arrivato a 18.000.

Bulgari, bracciale tubogas collezione Monete, fine anni Ottanta circa, in oro giallo 18 Kt con tre monete in argento Gallia Massalia
Bulgari, bracciale tubogas collezione Monete, fine anni Ottanta circa, in oro giallo 18 Kt con tre monete in argento Gallia Massalia

Ha quasi triplicato la stima anche un trittico di bracciali, unibili in un unico collier, in platino e con diamanti rotondi per complessivi 8,40 carati, venduto per 11.000 euro. Ben accolta anche la collezione di anelli firmati David Webb, con aggiudicazioni dai valori molto significativi rispetto a quelli di partenza. Un anello anni Settanta della Maison americana in oro bianco e platino con cristallo di rocca, smalto nero e diamanti rotondi con un valore di partenza di 3.000 euro è stato battuto a 7.000.
Anello firmato David Webb, anni Settanta circa, in oro giallo e platino con smalto nero e diamanti rotondi per complessivi circa 2,90 ct
Anello firmato David Webb, anni Settanta circa, in oro giallo e platino con smalto nero e diamanti rotondi per complessivi circa 2,90 ct

Sul versante orologi il Rolex Daytona Cosmograph 6263, del 1986, in perfette condizioni e posseduto da un unico proprietario, con lunetta del modello 6265 originale aggiuntiva in acciaio e corredato di scatola e garanzia partendo da un valore di 60.000 ha ottenuto un valore di aggiudicazione di 70.000.
Rolex Daytona Cosmograph 6263/65, anno 1986. Cassa e bracciale Oyster in acciao; quadrante argenté
Rolex Daytona Cosmograph 6263/65, anno 1986. Cassa e bracciale Oyster in acciao; quadrante argenté

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Il debutto nobile di Persan & Bellefond

Next Story

Nak Armstrong, il design in Texas

Latest from News

Addio a Marina Bulgari

È morta a Roma Marina Bulgari, figlia di Costantino Bulgari, primo figlio di Sotirios (l’altro era