asta, news — Октябрь 19, 2019 at 5:01 дп

(Italiano) Sotheby’s vende la collezione Cologni

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.





La collezione Cologni di orologi e gioielli va all’asta a Milano da Sotheby’s. Un’occasione per gli appassionati di Cartier♦︎

Preziosi gioielli a fin di bene. Va all’asta, a Milano, la raccolta di orologi e gioielli appartenenti a Franco Cologni, scrittore e imprenditore appassionato di orologeria e gioielleria, e a sua moglie Adele Tamiso Cologni. Gioielli e orologi saranno venduti da Sotheby’s: in tutto sono 72 lotti con pezzi datati dai primi del Novecento al Duemila. Il ricavato andrà a favore di un nuovo progetto della Fondazione Cologni di Milano: uno spazio espositivo e culturale dedicato all’eccellenza dei mestieri d’arte, presso un importante museo milanese.

Bird Fligh, in oro, smeraldo, rubini e diamanti
Bird Flight, in oro, smeraldo, rubini e diamanti

La raccolta vanta anche la presenza di diversi gioielli degli anni Trenta, come la splendida spilla/clip Cartier datata 1930 e stimata 20.000-30.000 euro. Del 1932 è invece il bracciale in diamanti Cartier stimato 40.000-60.000 euro con custodia originale. Datata 1962 è la spilla Bird Flight in oro, smeraldo, rubini e diamanti, stimata 30.000-50.000 euro. In asta verrà presentato anche il Collier Cartier Panthère, con custodia, stimato 9.000-13.000 euro. Le due splendide pantere sono amovibili e trasformabili in una spilla.

Bracciale in diamanti Cartier, 1932, con custodia originale
Bracciale in diamanti Cartier, 1932, con custodia originale

Non è un caso che nella collezione si trovino tanti Cartier. Cologni, Cavaliere del Lavoro e Officier de la Légion d’Honneur, infatti, è stato fondatore e direttore del magazine internazionale Cartier Art. Per quarant’anni ha collaborato presso Cartier fino a diventare presidente Mondo e, a seguito dell’incorporazione di Cartier nel Gruppo Richemont, è diventato presidente esecutivo di tutto il settore gioielleria e orologeria del Gruppo. È inoltre fondatore e Presidente del Comitato Culturale della Fondation de la Haute Horlogerie di Ginevra. Nel 2016, insieme a Johann Rupert, Chairman della Compagnie Financière Richemont SA, ha dato vita alla Michelangelo Foundation for Creativity and Craftsmanship, anch’essa basata a Ginevra, la cui finalità è quella di valorizzare la creatività e i mestieri d’arte a livello internazionale creando occupazione, sostenendo la cultura e valorizzando il savoir-faire dei territori.

Collier Panthère di Cartier
Collier Panthère di Cartier

La Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte è un’istituzione privata non profit, nata a Milano nel 1995. Le sue iniziative si rivolgono soprattutto ai giovani: formare nuove generazioni di Maestri d’Arte, salvando le attività artigianali di eccellenza dal rischio di scomparsa che le minaccia, è infatti uno degli obiettivi che la Fondazione persegue. Grazie al nuovo spazio espositivo, la Fondazione Cologni potrà così dare visibilità e valore al lavoro dei maestri d’arte, suscitando nei giovani nuove vocazioni.

Orologio in oro bianco, diamanti neri e bianchi di Cartier
Orologio in oro bianco, diamanti neri e bianchi di Cartier

La collezione è costituita anche da molti orologi da collezione. Si tratta di decine di esemplari firmati da Cartier, Audemars Piguet, Vacheron Constantin, Piaget, Frank Muller, Jaeger-LeCoultre e altri marchi prestigiosi. In alcuni casi gli orologi sono edizioni limitate o dedicati al collezionista. Tra i lotti più accattivanti della collezione ci sono l’orologio da polso La Monégasque di Roger Dubuis del 2012 in oro rosa, presentato in asta con una stima di 17.000-25.000 euro.

Royal Oak Offshore Chronograph Rhone-Fusterie di Audemars Piguet
Royal Oak Offshore Chronograph Rhone-Fusterie di Audemars Piguet

Un’edizione limitata in acciaio inossidabile del Royal Oak Offshore Chronograph Rhone-Fusterie di Audemars Piguet, datato 2008 circa è stimato 8.000-12.000 euro. Anche l’orologio Saltarello di Cartier, del 1997, è un’edizione limitata realizzata in platino, stimato 8.000-12.000 euro. Ed è sempre della Maison parigina l’orologio da polso Himalaya in oro bianco e diamanti neri, datato 2004 e presentato in asta con una stima di 8.000-12.000 euro.

Vendita online dal 28 ottobre al 6 novembre.
Esposizione a Milano, Palazzo Serbelloni
Mercoledì 30 ottobre 2019, ore 11.00-17.00







Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *