vetrina — Сентябрь 14, 2020 at 4:00 дп

(Italiano) I brevetti etruschi di Fartan

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.




Nel distretto orafo di Arezzo Fartan Group si propone di continuare la tradizione. A partire dal nome: secondo quanto sottolinea l’azienda, Fartan in antica lingua etrusca, significa «genio, forza vitale e creativa». Insomma, la rivendicazione di antiche radici, ma allo stesso tempo il desiderio di non rimanere indietro dal punto di vista tecnologico. Lo dimostra la produzione di gioielli. L’azienda, infatti, vanta numerosi brevetti che riguardano sia specifici modelli di lavorazione, che i macchinari utilizzati. L’idea è quella di unire la tecnologia alla creatività del design italiano. Una storia che va avanti da una quarantina d’anno, con un buon risultato, come testimoniano le collezioni.

Set della collezione Rondò
Set della collezione Rondò

Socio unico e amministratore dell’azienda dal 2009 è Leonardo Terziani, che ha alle spalle una carriera da ingegnere e project manager in imprese del settore meccanico: un background che testimonia l’approccio industriale del brand, che lavora in particolare conto terzi. L’esperienza di Terziani ha fruttato innovazione, come per Multi-light una tecnologia brevettata per l’inserimento di elementi nella catena base: il risultato finale è un gioiello unico, che presenta una «luminosità dinamica». Oppure Atmosphere, anche questa con una tecnologia brevettata per l’inserimento di inserti preziosi, che «genera notevole armonia e linearità (con passo prestabilito) ed evita l’eventuale sovrapposizione antiestetica degli elementi. Estrema lucentezza del gioiello grazie alla luminosità diretta e riflessa». O, ancora, Rondò, che derivano da una lavorazione specifica «grazie alla quale si riescono ad ottenere nel prodotto finito aree con differente finitura superficiale che creano giochi di luce accattivanti, accentuati dalle possibili colorazioni differenti». Insomma, la creatività non sta solo nel disegno o nella scelta di una pietra, ma anche nell’individuare tecniche realizzative intelligenti. Forse è anche questa un’eredità degli etruschi. F.G.

Collane della collezioen Rondò
Collana della linea Dna
Collana della linea Dna
Collane della linea Holly
Collane della linea Holly
Collana Holly di Fartan
Collana Holly di Fartan
Collane della collezione Holly
Collane della collezione Holly

Orecchini Fartan

Collana della linea Dna
Collana della linea Dna

Orecchini Dna
Orecchini Dna







Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *