Giulia Barela

Il Memento di Giulia Barela

//




San Pantaleo, per i cristiani, è il patrono di medici e ostetriche. E in piazza San Pantaleo, a Roma, si trova l’atelier di Giulia Barela, una delle firme della gioielleria della capitale d’Italia. Qual è il link? Semplice: per la designer la bellezza deve essere una pratica di benessere. In qualche modo, insomma, i gioielli possono curare lo spirito o, almeno, dare il buonumore. Da questo principio Giulia Barela è partita per ideare la collezione Memento.

Orecchini della collezione Memento
Orecchini della collezione Memento

La parola è legata al concetto di memoria e, quindi, di consapevolezza del passato, in particolare per la condizione femminile. E forse gli elementi a forma di scala che compongono alcuni pezzi della collezione simboleggiano anche i saliscendi della vita, oltre che una metafora della crescita personale. Altra icona che ricorre è quella del quadrifoglio, un portafortuna. In ogni caso la collezione, realizzata con effetti scultorei, è composta da 13 pezzi: due bracciali, cinque anelli, una collana e un ciondolo. Sono disponibili sia in argento 925 sia in bronzo bagnato oro 24 carati.

Anelli in argento annerito
Anelli in argento annerito
Anello in bronzo placcato oro 24 carati
Anello in bronzo placcato oro 24 carati
Collana in bronzo placcato oro 24 carati
Collana in bronzo placcato oro 24 carati

Bracciali di Giulia Barela
Bracciali di Giulia Barela







Le Metafore di Giulia Barela

/





La collezione Metafore di Giulia Barela ispirata ai grandi scultori del Novecento ♦︎

La metafora è una figura retorica che implica uno spostamento del significato. Calma, è un concetto molto semplice. Per esempio, possiamo dire che tra mille collezioni di gioielli ne scegliamo una. Ma la parola mille non è da intendersi in senso letterale. Non abbiamo di fronte agli occhi proprio mille collezioni. Quando diciamo mille intendiamo dire, semplicemente, che le collezioni sono moltissime. Usiamo una metafora, appunto.

Proprio come la nuova collezione di Giulia Barela, che si intitola Metafore.

Giulia Barela, gioielli della collezione Metafore
Giulia Barela, gioielli della collezione Metafore

Perché si chiama Metafore? Perché i gioielli si ispirano alla scultura della prima metà del Novecento di artisti come Brancusi, Arp, Moore e Hepworth. La collezione si compone di dieci modelli tra anelli, bracciali, collane e orecchini componibili. L’insieme “rimanda a un alfabeto primordiale fatto di geometrie universali”. Ancora più filosoficamente, “le morfologie, seppure in apparenza astratte, si ricollegano alla relazione tra uomo e natura e uomo e società, rivelandone gli aspetti più intimi”. Siamo, insomma, sul filo della speculazione intellettuale. I gioielli sono realizzati in bronzo bagnato oro 24carati e argento, con superfici lisce, levigate, e grandi volumi svuotati all’interno. In senso letterale, non è una metafora. Lavinia Andorno





Orecchini ispirati a Brancusi in bronzo rodiato nero
Orecchini ispirati a Brancusi in bronzo rodiato nero

Orecchini ispirati a Brancusi in bronzo dorato  e rodiato nero
Orecchini ispirati a Brancusi in bronzo dorato e rodiato nero
Anello ispirato a Brancusi in bronzo dorato
Anello ispirato a Brancusi in bronzo dorato
Orecchini in argento
Orecchini in argento
Anello ispirato a Moore in bronzo dorato
Anello ispirato a Moore in bronzo dorato
Doppio anello rodiato nero
Doppio anello rodiato nero

Anello ispirato a Moore in bronzo dorato e perla
Anello ispirato a Moore in bronzo dorato e perla







La pelle di serpente di Giulia Barela

//




La pelle di serpente in argento rodiato o bronzo placcato oro di Giulia Barela ♦︎

I serpenti cambiano pelle, Giulia Barela la utilizza. Si chiama Skin la collezione della designer romana che ha deciso di entrare nel mondo sinuoso dei rettili, un tema affrontato da quando esiste la gioielleria. I serpenti, insomma, non sono solo gioielli dalla linea ondulata, o che si arrotolano al polso. La pelle di serpente (senza il serpente) diventa invece motivo di decorazione, di trama che segna il metallo. In questo caso si tratta di argento, bronzo placcato oro oppure di argento rodiato nero. Tre colorazioni, bianca, gialla e nera, che sono scelte per ampi bracciali, anelli e orecchini. Se, invece, volete altri anelli o collane serpentesche, potete optare per la collezione Play, che utilizza la classica forma dell’animale che ha sedotto Eva nella sua immagine tradizionale, cioè con l’intero corpo che si trasforma in gioiello. Stesso di scorso per la linea Body, dove i serpenti si fanno ancora più sinuosi. Non resta che scegliere il tipo di tentazione preferita. Prezzi della linea Skin: da 80 euro a 140 euro per gli orecchini più piccoli, fino a 330 per gli orecchini pendenti e da 400-550 euro per i grandi bracciali. Giulia Netrese




Anelli della linea Play in argento rodiato
Anelli della linea Play in argento rodiato
Anello della linea Play in bronzo dorato
Anello della linea Play in bronzo dorato
Bracciale della linea Body in bronzo dorato
Bracciale della linea Body in bronzo dorato
Bracciale della linea Play in argento
Bracciale della linea Play in argento
Bracciali della linea Skin
Bracciali della linea Skin
Collana in argento rodiato della linea Body
Collana in argento rodiato della linea Body
Giulia Barela, orecchini avvolgenti della linea Skin
Giulia Barela, orecchini avvolgenti della linea Skin
Giulia Barela, orecchini della linea Skin
Giulia Barela, orecchini della linea Skin
Anelli della linea Skin
Anelli della linea Skin

Orecchini pendenti della linea Skin
Orecchini pendenti della linea Skin







La danza del serpente di Giulia Barela



Collezione con bracciali e orecchini di Giulia Barela che reinterpreta la forma del serpente ♦︎

Il gioco del serpente contagia anche Giulia Barela. È curioso come il rettile tanto temuto nella vita sia così popolare nella gioielleria. Simbolo freudiano, forse, ma anche frutto di una tradizione antica: l’animale strisciante è ora il protagonista anche di una collezione della designer romana per l’autunno inverno 2017. La collezione si chiama Enchanted e ruota attorno alla sinuosa figura del simbolo della tentazione. Ma è un serpente in versione stilizzata, semplificata, moderna. Per la verità non assomiglia a tanti altri serpenti della gioielleria densi di scaglie e pietre colorate. È più un serpente nordico, molto semplice. Della linea Enchanted fanno parte 22 creazioni, sia in argento 925 che in bronzo bagnato oro 24 carati.

«Ho voluto cimentarmi con il tema del serpente, archetipo della simbologia, della femminilità e dell’eleganza, reinterpretandolo con un linguaggio a me consono, attento alla forma e alla texture», spiega Giulia Barela. Prezzi: bracciale 220-270 euro, orecchini 180 euro. Margherita Donato




Collezione Enchanted di Giulia Barela
Collezione Enchanted di Giulia Barela
Bracciale in argento. Prezzo: 270 euro
Bracciale in argento. Prezzo: 270 euro
Bracciale in argento annerito. Prezzo: 280 euro
Bracciale in argento annerito. Prezzo: 280 euro
Bracciale in bronzo dorato. Prezzo: 220 euro
Bracciale in bronzo dorato. Prezzo: 220 euro
Orecchini in argento. Prezzo: 180 euro
Orecchini in argento. Prezzo: 180 euro
Orecchini in argento annerito. Prezzo: 185 euro
Orecchini in argento annerito. Prezzo: 185 euro

Orecchini in bronzo dorato. Prezzo: 150 euro
Orecchini in bronzo dorato. Prezzo: 150 euro







Soffia ancora l’Air di Barela



Nuovi pendenti per la collezione Air di Giulia Barela, immagini e prezzo♦︎

La collezione Air della designer romana Giulia Barela è da tempo una delle più apprezzate dalle sue clienti. Per questo ogni tanto nel suo laboratorio di Piazza San Pantaleo, a Roma, la designer aggiunge qualche pezzo nuovo. Dato che lo stile di questa linea di gioielli è particolarmente adatto all’estate, ecco nuovi pendenti in bronzo placcato oro 24 carati e colorati con gocce di smalto. I pendenti sono legati a un cordoncino lungo 130 centimetri e sono disponibili in tre colori, a cui si aggiunge il pendente già nella collezione che però è unicamente in bronzo dorato (niente smalto). I colori sono quelli dell’infanzia di Giulia Barela, legati alla Costiera amalfitana: azzurro e verde turchese, rosso. Prezzi: gli anelli tra 140 e 240 euro, i ciondoli 190 euro, gli orecchini 200-220 euro. Alessia Mongrando




Anello della collezione Air, in bronzo dorato
Anello della collezione Air, in bronzo dorato
Anello della collezione Air, in bronzo dorato e smalto. Prezzo: 140 euro
Anello della collezione Air, in bronzo dorato e smalto. Prezzo: 140 euro
Anello della collezione Air, in bronzo dorato e smalto rosso. Prezzo: 240 euro
Anello della collezione Air, in bronzo dorato e smalto rosso. Prezzo: 240 euro
Pendente Air in bronzo dorato e smalto
Pendente Air in bronzo dorato e smalto
Pendente rosso, bronzo dorato e smalto
Pendente rosso, bronzo dorato e smalto
Pendente verde acqua
Pendente verde acqua
Orecchini della collezione Air, in bronzo dorato e smalto rosso
Orecchini della collezione Air, in bronzo dorato e smalto rosso
Orecchini della collezione Air, in bronzo dorato e smalto azzurro
Orecchini della collezione Air, in bronzo dorato e smalto azzurro







Giulia Barela in spiaggia

I nuovi gioielli di Giulia Barela, tra bronzo e smalti colorati che si ispirano al mare, alla Costiera Amalfitana e al Salento ♦

Bronzo dorato più smalti colorati coprenti e trasparenti. Si basa su questi due elementi la collezione SS2017 di Giulia Barela. La designer romana punta sulla vivacità, con un’ispirazione marinara: «Ho deciso di aggiungere il colore degli smalti ad alcuni nuovi modelli dei miei gioielli pensando a una donna allegra, che ama la natura e, soprattutto, sorridere di sé. Nelle Collezioni Air e Africa mi sono ispirata ai verdi del mare del Salento, ai blu del cielo della Costiera Amalfitana, ai rosa e ai rossi dei tramonti che preludono alle belle giornate estive», spiega la designer. «L’effetto che ne deriva è quello del mosaico. Un tema che era nella mia mente già da tempo perché i mosaici fanno parte del dna dell’arte italiana attraverso i secoli, da quelli dell’antica Roma a quelli ravennati, fino alle riproduzioni su piccoli oggetti nel periodo del Grand Tour. Amo molto la scomposizione dei colori anche nella pittura e gli artisti che hanno impiegato questa tecnica: Seurat, Signac, oltre gli italiani Boccioni e Balla».

Per alcuni nuovi modelli delle due collezioni Giulia Barela ha utilizzato smalti coprenti verdi, blu e rosa-rossi in varie tonalità per ciascun colore, riempiendo gli spazi vuoti del gioiello, ricordando così le vetrate policrome delle cattedrali. Della Collezione Air fanno parte gli orecchini Air e Hoop, tutto il movimento degli orecchini Libra, l’anello, il ciondolo e gli orecchini sospesi Cloud, l’anello Spinning. Nella Collezione Africa esordiscono gli orecchini Drop e Coin, e l’anello Shield .

Ci sono, inoltre, le collezioni Indian Leaves e Obladì Obladà, caratterizzate dall’effetto texture della materia, con smalti trasparenti applicati con pennellate leggere. I colori sono il verde greenery, tonalità Pantone 2017, il blu e il rosso. Giulia Netrese

Orecchini pesci. Prezzo: 200 euro
Orecchini pesci. Prezzo: 200 euro
Orecchini stella. Prezzo: 190 euro
Orecchini stella. Prezzo: 190 euro
Anello Air Cloud rosso
Anello Air Cloud rosso
Anello Four Leaves, collezione Indian Leaves
Anello Four Leaves, collezione Indian Leaves
Anello Leaves verde
Anello Leaves verde
Orecchini Indian Leaves
Orecchini Indian Leaves
Orecchini Air Cloud
Orecchini Air Cloud
Orecchini Drops
Orecchini Drop


Giulia Barela Knot Light

I nodi leggeri di Giulia Barela in una capsule collection. Immagini e prezzi ♦

I nodi si sciolgono, oppure si mantengono stretti, nel caso servano a suggellare qualcosa di buono. I sentimenti, per esempio. Oppure un design ben riuscito che, quindi, si rinnova con un altro nodo. È il caso di Giulia Barela, designer romana che aggiunge nuovi pezzi dalla capsule collection Knot Light. I gioielli Knot Light sono una delle novità di Giulia Barela presentate per stagione estiva 2017. Sono una rielaborazione della collezione Knot, che è stata una delle più apprezzata della designer romana. La Collezione Knot Light è costituita da un choker, orecchini e l’ear cuff, bracciale e anello, tutti realizzati sia nella versione in bronzo placcato oro 24k, sia in argento. Prezzi: da un minimo di 70 euro per l’earcuff, fino a 270 euro per il cocker, passando dai 185 euro per l’anello e i 170 per il bracciale. Lavinia Andorno





Orecchini della collezione Knot Light. Prezzo: 140 euro
Orecchini della collezione Knot Light. Prezzo: 140 euro

Earcuff della collezione Knot Light. Prezzo: 70 euro
Earcuff della collezione Knot Light. Prezzo: 70 euro
Chocker della collezione Knot Light. Prezzo: 270 euro
Chocker della collezione Knot Light. Prezzo: 270 euro
Bracciale della collezione Knot Light. Prezzo: 170 euro
Bracciale della collezione Knot Light. Prezzo: 170 euro

Anello della collezione Knot Light. Prezzo: 185 euro
Anello della collezione Knot Light. Prezzo: 185 euro







Sott’acqua con Giulia Barela

Giulia Barela, architetto, designer, fondatrice di un laboratorio di gioielleria a Roma. Il suo ultimo lavoro, però, non è ispirato alle forme classiche della Città eterna, ma al mondo del mare, un motivo che è stato già fonte di ispirazione per la designer. Ma questa volta Giulia Barela non si è fermata alla spiaggia: la collezione Under the Sea comprende pesciolini, piccole meduse, stelle marine che diventano mini sculture per una serie di orecchini. La collezione, infatti, comprende quasi unicamente gioielli da indossare alle orecchie (e un paio di pendenti). Forse per sentire il rumore delle onde, chissà. Una curiosità: mentre il comunicato stampa parla della collezione Under the Sea, se andate sul sito di Giulia Barela troverete che la collezione è indicata come Deep Sea: insomma, si confondono le acque. In ogni caso, i gioielli sono realizzati con la tecnica della fusione a cera persa, sono fatti a mano in bronzo, mentre le farfalline e perni sono in argento 925. Nel caso delle piccole meduse le pietre sono ematite blu o verde. Alessia Mongrando

Orecchini Fish in bronzo. Prezzo: 122 euro
Orecchini Fish in bronzo. Prezzo: 122 euro
Orecchini Under the sea. Prezzo: 150 euro
Orecchini Under the sea. Prezzo: 150 euro
Orecchini Stella marina small. Prezzo: 115 euro
Orecchini Stella marina small. Prezzo: 115 euro
Orecchini Stella marina. Prezzo: 135 euro
Orecchini Stella marina. Prezzo: 135 euro
Orecchini Saliìx. Prezzo: 148 euro
Orecchini Saliìx. Prezzo: 148 euro
Orecchini Ramages. Prezzo: 160 euro
Orecchini Ramages. Prezzo: 160 euro
Orecchini Piuma in bronzo. Prezzo: 175 euro
Orecchini Piuma in bronzo. Prezzo: 175 euro
Orecchini Meduse in bronzo e ematite. Prezzo: 175 euro
Orecchini Meduse in bronzo e ematite. Prezzo: 175 euro
Orecchini Meduse in bronzo e ematite. Prezzo: 215 euro
Orecchini Meduse in bronzo e ematite. Prezzo: 215 euro
Orecchini Fish in bronzo e pietra. Prezzo: 150 euro
Orecchini Fish in bronzo e pietra. Prezzo: 150 euro

Giulia Barela con le ali

Avvocato, funzionaria delle dogane con l’incarico di occuparsi di accordi e di cooperazione internazionale, manager della Caesar House, piccolo hotel romano a cinque stelle e, infine, designer di gioielli, la sua vera passione: il percorso di Giulia Barela è stato lungo, ma ora nel suo studio nel centro storico di Roma, in piazza San Pantaleo, è finalmente appagata. I suoi gioielli, che ha imparato a realizzare anche con la tecnica della cera persa, sono ormai la sua principale attività da un lustro: la sua ultima novità è la collezione Butterfly: anelli, spille, bracciali, orecchini​ dorati ​o ​smaltati ​in bronzo​. Le farfalle di Giulia Barela hanno un prezzo che va dai 140 ai 255 euro. Giulia Netrese

Collezione Butterfly. Orecchini in bronzo. Prezzo: 140 euro
Collezione Butterfly. Orecchini in bronzo. Prezzo: 140 euro
Collezione Butterfly. Anello in bronzo. Prezzo: 140 euro
Collezione Butterfly. Anello in bronzo. Prezzo: 140 euro
Collezione Butterfly. Bracciale in bronzo. Prezzo: 150 euro
Collezione Butterfly. Bracciale in bronzo. Prezzo: 150 euro
Collezione Butterfly. Spille in bronzo. Prezzo: 255 euro
Collezione Butterfly. Spille in bronzo. Prezzo: 255 euro
Collezione Butterfly. Faralle in bronzo e smalto.  Prezzo: 180 euro
Collezione Butterfly. Faralle in bronzo e smalto. Prezzo: 180 euro

I bijoux al White 

Buone notizie: secondo gli organizzatori di White, il salone organizzato a cavallo tra febbraio marzo nella zona Tortona, a Milano, dedicato alla moda e patrocinato dal Comune, i compratori sono aumentati del 10%. Insomma, nel 2015 è andata bene. Come al solito per alcuni espositori è andata meglio. Altri sono addirittura entusiasti: per esempio, Vittorio Ceccoli, uno dei più ammirati e visitati della sezione bijoux. Il designer bolognese lavora a mano tutti i suoi gioielli in ottone, dai pezzi vetrina come gli elmetti molto elaborati e composti da tanti fiori con pistilli sporgenti (sorprendentemente uno è stato acquistato da un ragazzo e usato per andare in discoteca, racconta Ceccoli), ai delicati chocker, coroncine e bracciali con foglioline martellate e tempestate di Swarovski, alle linee dalle forme più accentuate con grandi fiori o piccoli cilindri con cristalli colorati alle estremità che rappresentano le esplosioni di stelle.

Vittorio Ceccoli indossa l'elmetto da burlesque
Vittorio Ceccoli indossa l’elmetto da burlesque
Le creazioni di Vittorio Ceccoli
Le creazioni di Vittorio Ceccoli

Bene accolte anche le collane e i bracciali multicatena, multicristalli e multicolori di Lamprini Chantziara, marchio greco nato nel 2010 che piace alle fashion addict, ma non solo. Tra nomi noti e meno noti, giovani e non, ecco le sperimentazioni sulle superfici e sui volumi di Giulia Barela, che non dimentica mai la sua fonte d’ispirazione principale, ossia la natura, e la descrive con ottone dorato inciso e traforato.  Minimalismo geometrico e abbinamento di oro argento per Maya Magal, la designer londinese da soli due anni sul mercato con il suo nome che ha già conquistato le celeb britanniche. Passata la Manica, ecco le francesi di Nach, due sorelle di Tolosa che usano la porcella per farne allegri bijoux, già presenti nelle nostre gallery, che hanno presentato nuovi soggetti, dalla tigre al bambi e bracciali rigidi e aperti con alle estremità il muso di un animale. Da Lisa C lo scintillio dei cristalli Swarovski è ironico ed extra large con colombe che spiccano il volo e criniere di cavallo impreziosite da perle bianchissime su pavé di brillantini. Infine, la nuova linea Luxory di Simona B Bijoux che abbina i cristalli Swarovski a pietre incastonate su montature in ottone come fossero diademi. Monica Battistoni

Lamprini Chantziara
Lamprini Chantziara
Giulia Barela
Giulia Barela
Maya Magal
Maya Magal
Lisa C
Lisa C

LisaC

SimonaB, Luxory
SimonaB, Luxory

A Caminada le pr di Sence

Novità nel mondo delle pubbliche relazioni. Manuela Caminada (Dori Csengeri, Yvone Christa, Ayala Bar, Claudio Calestani, Giulia Barela, Kurshuni) si è aggiudicata  la comunicazione di Sence, azienda di Copenhagen distribuita in Italia da Aibijoux. Debutto a Milano, all’Homi (il nuovo Macef)  dal 13-16 settembre, al Pad 10 – Stand L13-M14. Complimenti. F.G. 

Manuela Caminada (sotto), immagine da Google+
Manuela Caminada (sotto), immagine da Google+

Barela mediterranea

[wzslider]I gioielli della designer romana Giulia Barela hanno un tratto immediatamente riconoscibile, quello dell’arte mediterranea. Si possono indossare sempre, eppure a guardarli viene in mente il mare e l’estate. Tra i nuovi pezzi proposti, un anello con serpente marino, quello con ali che si appoggia su due dita, gli orecchini smaltati di un verde profondo come l’acqua del Mediterraneo, quelli con un motivo che ricorda una spugna e quelli a forma di scudo dal sapore antico. Ecco foto e prezzi. G.N.

 

Giulia Barela subacquea

[wzslider]Coralli, legni, spugne, alghe e pesciolini prendono forma tra le mani di Giulia Barela e diventano collane, orecchini e anelli che scolpisce personalmente in cera e poi li riproduce in metallo. Questa nuova collezione della designer romana ha un’anima mediterranea con gli orecchini Air, la cui montatura ricorda le spugne tubolari e cave dei fondali marini, con gli elementi in bronzo come legni e coralli, parte centrale delle collane, con resine modellate come alghe per gli anelli. I colori sono quelli estivi del cielo azzurro estivo, turchese, verde acqua, rosso, rosa e viola e i materiali quelli di sempre: bronzo, argento, pietre semipreziose, smalti e resine. I prezzi? A partire da 135 euro per gli orecchini e da 300 euro per le collane. M.d.B. 

 

La natura creativa di Giulia Barela

[wzslider]Dalla Puglia a Roma, e ritorno: Giulia Barela partecipa alla mostra mercato Artigianato d’Eccellenza a Lecce, tra piazzetta Giosuè Carducci e la chiesa sconsacrata di San Francesco della Scarpa. Durerà tre giorni, dal 24 al 26 maggio, con 50 espositori, e parte del ricavato sarà infatti devoluto al reparto di oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Lecce. La designer, d’altra parte, abita tra Roma e il Salento, dove ha una masseria. E dove concepisce i suoi gioielli, che contengono molti elementi ispirati alla natura: una foglia, una pietra, soggetti marini, utilizzando l’oro, il bronzo, l’argento bianco e nero, perle, pietre preziose e semi preziose. Creazioni che nel marzo scorso ha presentato a Parigi e che sono presenti in punti vendita a New York, Toronto, Parigi, Giappone e Russia. M.d.B.