da sapere — Settembre 22, 2019 at 5:30 am

Gioielli e allergia




Avete gioielli che provocano allergia o irritazione alla pelle? Ecco come risolvere il vostro problema ed evitare una allergia da nichel ♦︎

Qualcuno sostiene che le allergie sono in aumento. Per quanto riguarda i gioielli, purtroppo, sono sempre state un problema. Il motivo è semplice: ci sono metalli che a contatto con la pelle provocano reazioni allergiche.

Leggi anche: Come evitare le allergie da nichel

Per questo motivo chi soffre di allergie sceglie gioielli in oro. Il metallo giallo, infatti, è anallergico, cioè provoca raramente reazioni a contatto con la pelle. Ma, allora, perché capita anche chi indossa un gioiello in oro di soffrire per arrossamenti o irritazioni sulla parte del corpo a contatto con orecchini, bracciali o collane?

Come evitare allergie e vivere felici
Come evitare allergie e vivere felici

Attenzione ai carati. Si tratta di una reazione allergica chiamata dermatite da contatto ed è provocata quando non si utilizza oro puro. Questo metallo, allo stato naturale (24 carati) è troppo morbido e si deforma facilmente. Per questo motivo i gioiellieri lo legano assieme ad altri metalli, come il nichel. In questo modo il gioiello d’oro diventa più resistente. Per contro, il metallo contenuto nella lega può causare una allergia. Tutti i gioielli in oro a 18, 12 9 carati, sono in lega con altri metalli. Oro a 18 carati, per esempio, significa che su 10 grammi di metallo, solo 7,5 sono in oro puro, mentre a 12 carati si scende al 50%.

Marco Bicego, anello Cairo con nove fili d’oro a 18 carati ritorti e tessuti a mano. Prezzo: 2960 euro
Marco Bicego, anello Cairo con nove fili d’oro a 18 carati ritorti e tessuti a mano. Prezzo: 2960 euro

I trucchi per evitare allergie. Come evitare l’allergia al nichel? La prima risposta è ovvia: chiedete al gioielliere se la lega di metallo del gioiello contiene nichel. Ma se a casa avete già dei gioielli che provocano irritazione alla pelle o allergia, un semplice trucco è utilizzare lo smalto per le unghie. Quello trasparente, ovvio. Questo sistema non funziona bene con le collane a catena, ma può risolvere il problema con un anello o un bracciale. Basta ricoprire la parte interna del gioiello, quella a contatto con la pelle, di smalto trasparente. In questo modo si evita che il nichel sia a contatto con la pelle delle mani o del polso. Naturalmente bisogna verificare nel tempo che lo smalto non si consumi con l’utilizzo del gioiello.

Gioielleria di Ponte Vecchio, a Firenze
Gioielleria di Ponte Vecchio, a Firenze

Altri metalli. Un altro modo, più costoso, per evitare allergie è scegliere gioielli in platino o in titanio, due metalli ipoallergenici. Il rame, consigliato da molti, non è certo una vera alternativa all’oro: non solo non ha la stessa lucentezza (anche se costa molto meno), ma a contatto con il sudore della pelle può rovinarsi e tingere la pelle. Anche l’argento, a patto che sia sterling (puro al 92,5%) è spesso tollerato da chi ha allergia al nichel, ma va costantemente pulito per evitare che si annerisca. Rudy Serra

Leggi anche: I gioielli a basso prezzo sono pericolosi?





Sintomi allergici
Sintomi allergici

Anelli della collezione Platinum. Platino e diamanti bianchi, più pietre colorate
I Gregori, anelli della collezione Platinum. Platino e diamanti bianchi, più pietre colorate
Orecchini Fuseau in titanio rosa e diamanti
Vhernier, orecchini Fuseau in titanio rosa e diamanti

Orecchino in oro bianco 14 carati. Prezzo: 220 dollari
Orecchino in oro bianco 14 carati







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *