vetrina — April 22, 2013 at 1:18 pm

In anteprima Verdi all’opera

Il fondatore si chiama come il musicista: Giuseppe Verdi. Da allora, era il 1971, è passato qualche decennio. Ma Verdi Gioielli è rimasta fedele alla linea stilistica del fondatore, ora presidente della società, molto caratterizzata per scelte e linea. Uno stile che è nella penna di Giovanna Protti, da oltre 20 anni art director della maison, mentre la gestione manageriale è passata al figlio del fondatore, Marco. L’idea di fondo è che oro, diamanti e pietre preziose non comunicano niente senza stile, creatività e personalità. Ed è quanto l’azienda presenta anche a Baselworld, la grande exhibition che richiama i più grandi produttori di gioielleria. Ecco in anteprima qualche immagine delle nuove collezioni di Verdi Gioielli. G.N.

The founder is named as the composer: Giuseppe Verdi. Since then, it was 1971, it’s been a few decades. But Verdi Jewelry has remained faithful to the stylistic line of the founder, now president of the company, characterized by very choices and line. A style that is in the pen of Joan Protti, for over 20 years art director of the house, while the managerial went to his son of the founder, Mark. The basic idea is that gold, diamonds and precious stones do not communicate anything without style, creativity and personality. And this is what the company also presents at Baselworld, the great exhibition that attracts the largest manufacturers of jewelry. Here’s a preview of some pictures of the new collections of Verdi Jewels.

 

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *