Diamante rosso a forma di cuore di 1,71 carati
Diamante rosso a forma di cuore di 1,71 carati

Diamanti rossi, i più rari

Alla scoperta di una gemma molto rara: i diamanti rossi. Sapevate che esistono? Se ne trovano pochi e hanno prezzi folli. Ma sono bellissimi ♦

Avete mai visto un diamante naturale rosso come un rubino? È molto difficile. Se solo un diamante su 10 mila esemplari possiede abbastanza colore per essere classificato come fancy (cioè fantasia, di un colore diverso dal classico bianco-incolore). Tra i diamanti fancy, quelli rosa sono considerati tra i più rari e, se hanno una gradazione di tono ancora più scura, sono ancora più eccezionali. Questi diamanti hanno quasi sempre anche colori secondari: rosato, violaceo oppure marrone, come la sfumatura dell’Edcora Red Diamond, il più grande mai classificato dalla Gia (5,71 carati) e tenuto ben nascosto dai suoi proprietari, pare sia una società di Hong Kong, tanto che non esistono foto pubbliche e di questo diamante nemmeno si conosce la provenienza.

Due diamanti rossi della miniera australiana di Argyle
Due diamanti rossi della miniera australiana di Argyle

Insomma, i diamanti che hanno un colore rosso sono rarissimi. Inoltre, le origini di questo colorazione sono ancora misteriose. I gemmologi non sono ancora riusciti a concordare quale sia l’origine di questa tonalità. La tesi più affidabile è che i diamanti rossi siano, in realtà, gemme rosa molto scure. Durante la formazione del diamante questo tipo di pietra sarebbe stato sottoposto a una pressione così grande da alterare la struttura molecolare interna: atomi fuori posto, rispetto a quelli dei comuni diamanti incolori. Ma, al momento, si discute su questa ipotesi.

Il diamante rosso De Young
Il diamante rosso De Young

Non vi capiterà mai di comprare un diamante rosso, a meno che non siate ricchi come uno sceicco o un genio hi-tech della Silicon Valley. Ma, nel caso ve ne proponessero uno, fate attenzione: il colore rosso potrebbe (ed è l’ipotesi più probabile) non essere del tutto naturale. In effetti, la colorazione può essere anche indotta sottoponendo un normale diamante incolore a particelle radioattive, riscaldandolo ad alte temperature e quindi mettendolo a una forte pressione. Non è più, insomma, una colorazione naturale.

Diamante Argyle Everglow, 2.11 carati, radiant shaped, Fancy Red diamond
Diamante Argyle Everglow, 2.11 carati, radiant shaped, Fancy Red diamond, Rio Tinto

Del diamante brasiliano Moussaieff Red Diamond, di 5,11 carati con un taglio Trillion, ossia triangolare, si sa anche il valore: è stato acquistato nel 2002 per 8 milioni di dollari (circa 5,4 milioni di euro) dal gioielliere da cui prende il nome. Battezzato con il cognome del proprietario è anche il terzo classificato, il Kazanjian Red, scoperto nella miniera di Licthenburg in Sud Africa: è di 5,05 carati e ha un taglio smeraldo. In passato era stato scambiato per un rubino a causa del suo colore rosso sangue. Ha una storia avventurosa: durante la Seconda guerra mondiale è stato rubato dai nazisti e ha avuto vari passaggi fino ad arrivare nelle mani del presidente della Kazanjian Diamonds. Un errore di valutazione lo ha subito anche il De Young Red di 5,03 carati  acquistato in una vendita immobiliare: è stato scambiato per un granato per il suo rosso intenso tendente al bruno. È anche uno dei pochi diamanti visibili a tutti, perché è esposto Smithsonian Museum, a Washington.

Il diamante rosso Kazanjian
Il diamante rosso Kazanjian

I diamanti rossi sono così rari, che la maggior parte dei gioiellieri, anche quelli più famosi, non ne ha mai visto uno.  Attualmente, il 90 per cento dei diamanti rosa e rossi naturali del mondo provengono da un’unica fonte: l’Argyle Diamond Mine nell’Australia Occidentale. Secondo i funzionari di Rio Tinto, azienda che possiede la miniera, questi diamanti sono quasi introvabili: la quantità di quelli estratti in un anno più grandi di mezzo carato è risibile e starebbe nel palmo di una mano. I pezzi migliori sono venduti al Pink Diamond Tender, una delle aste internazionali più importanti per questa categoria e in 30 anni sono stati offerti solo nove Fancy Red Argyle. Uno di questi, di 0,75 carati, è stato tagliato a cuore e montato su anello insieme a un altro diamante, the Argyle Celestial di 0,71 carati di un un profondo blu grigio. La combinazione di due pietre con un taglio così difficile rende l’anello straordinario. Però è l’Argyle Phoenix Fancy Red Diamond, di 1,56 carati la vera star: è stato venduto per più di  2 milioni di dollari, il più alto prezzo per un diamante prodotto dalla miniera. Ma attenzione, il valore dei diamanti rossi è in costante aumento perché sono sempre più: la multinazionale anglo-australiana ha previsto di cessare la produzione.

Il diamante rosso Moussaieff
Il diamante rosso Moussaieff
Diamanti rossi Argyle a forma di cuore e Phoenix taglio brillante
Diamanti rossi Argyle a forma di cuore e Phoenix taglio brillante
Tre anelli con diamanti Rio Diamond: bianchi, verde, blu e rosso
Tre anelli con diamanti Rio Diamond: bianchi, verde, blu e rosso
Anello con diamante rosso di 1,38 carati
Anello con diamante rosso di 1,38 carati

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

I primi 15 anni di Sylva & Cie

Next Story

Gioielli a forma di fiore

Latest from Campus

I 9 colori dell’oro

Sapete perché l’oro può avere diversi colori? Può essere bianco, giallo, rosa, ma anche blu o

Gioielli e allergia

Avete gioielli che provocano allergia o irritazione alla pelle? Ecco come risolvere il vostro problema ed