alta gioielleria, vetrina — luglio 15, 2018 at 4:50 am

L’Oriente-Occidente di Michelle Ong




Michelle Ong è stata indicata come una delle 15 più influenti donne di Hong Kong. Promuove l’arte del Rinascimento italiano. Ed è anche la designer della raffinata Maison Carnet 

Non c’è bisogno di volare a Hong Kong per conoscere Michelle Ong, nominata da Tatler come una delle 15 donne più influenti di Hong Kong. La designer ha fondato Carnet assieme all’israeliano Avi Nagar nel 1985. Da quel momento è diventata una specie di Jar dell’Oriente. Tanto che il mitico Joel Arthur Rosenthal le ha fatto i complimenti e ha scritto per lei la prefazione di un libro che ha raccolto le immagini del lavoro della designer.

La sua curiosità ha prodotto uno strano incrocio tra Art Nouveau e tradizione Ming. Per la verità i due termini semplificano parecchio la complessità del percorso creativo di Michelle Ong. In realtà quello che più conta è la ricerca di costruire con virtuosismo gioielli attorno a grandi e preziose pietre. I suoi pezzi, non sorprende, sono apprezzati da chi può e vuole sfoggiare gioielli di pregio, come il soprano Renée Fleming o Kate Winslet. Sul suo stile sono stati sprecati molti aggettivi: maestoso, esuberante, espressivo… Ma la verità è che riassumere con qualche parola una produzione così densa è molto difficile. E dire che Michelle Ong è un’autodidatta. Ha iniziato a disegnare gioielli per hobby. Ama il perfezionismo: anche dopo aver raggiunto il successo continua a seguire da vicino gli artigiani che realizzano i suoi disegni. «I materiali che uso sono un mezzo per un fine», ha spiegato. L’assenza di una scuola alle spalle ha avuto anche vantaggi: per esempio, la designer di Hong Kong ha iniziato a utilizzare il titano 17 anni fa, in grande anticipo rispetto agli altri. Ecco alcuni gioielli della sua produzione.

Michelle Ong è anche una raffinata appassionata d’arte. È stata nominata presidente della Marco Polo Society, un’organizzazione senza scopo di lucro che promuove gli scambi culturali tra Italia, Hong Kong, Macao e Cina continentale. E nella città ex colonia britannica ha promosso Shaping the Human Body: la scultura fiorentina del Rinascimento italiano, una mostra di dieci capolavori chiave del periodo, presso l’Università di Hong Kong.  Matilde de Bounvilles




Giverny, spilla in oro con diamanti bianchi e smeraldi, con un grosso smeraldo cabochon
Giverny, spilla in oro con diamanti bianchi e smeraldi, con un grosso smeraldo cabochon
Collana di Carnet esposta a Masterpiece London
Collana di Carnet esposta a Masterpiece London
Collana di Carnet esposta a Masterpiece London
Spilla di Carnet
Collana con diamanti di diversi tagli, e zaffiri viola, giallo chiaro, rosa
Collana con diamanti di diversi tagli, e zaffiri viola, giallo chiaro, rosa
Orecchini Ventaglio con diamanti e zaffiri
Orecchini Ventaglio con diamanti e zaffiri
Orecchini Reverie, con diamanti e zaffiri
Orecchini Reverie, con diamanti e zaffiri
Anello Carnet Chrysanthemum, smeraldo e diamanti
Anello Carnet Chrysanthemum, smeraldo e diamanti
Autumn ring, diamanti fancy brown e orange
Autumn ring, diamanti fancy brown e orange
Bracciale con diamanti e oro bianco
Bracciale con diamanti e oro bianco
Bracciale Ametista Amore
Bracciale Ametista Amore
Spilla Dancing Anemone. Platino e titanio con granati verdi, diaman ti, smeraldi, zaffiri rosa e ametista
Spilla Dancing Anemone. Platino e titanio con granati verdi, diaman ti, smeraldi, zaffiri rosa e ametista
Orecchini Sunburst. Platino, diamanti light yellow
Orecchini Sunburst. Platino, diamanti light yellow
Bracciale Azzure. Lattice, platino e titanio, diamanti e zaffiri
Bracciale Azzure. Lattice, platino e titanio, diamanti e zaffiri

Anello con diamanti fancy yellow e bianchi
Anello con diamanti fancy yellow e bianchi







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *