vetrina — Agosto 8, 2020 at 4:02 am

Le divine proporzioni di De Maria




Se sommate uno più uno ottenete due. Se sommate due più uno si arriva a tre. E tre più due fa cinque, eccetera. Ma il bello è che se dividete i due numeri vicini in questa successione matematica (importata in Europa dal pisano Fibonacci nel 1300), otterrete sempre un numero vicino a 1,6. E più i numeri sono alti, tanto più il risultato della divisione sarà vicino a 1,618. Sembra un gioco, ma non lo è: il numero 1,618 è indicato come quello della proporzione perfetta, quella che gli antichi chiamavano la sezione aurea o proporzione divina. Anche perché è una proporzione che si trova in molte manifestazioni naturali, dalla forma delle conchiglie a quella dei fiori. Che c’entra tutto questo con i gioielli?

Anelli Caviar della linea 1,618
Anelli Caviar della linea 1,618

Chiedetelo a Dario De Maria, gioielliere appassionato della storia e dell’arte orafa italiana dal Settecento a oggi. E lui stesso, con la sua azienda nata nell’Antico Borgo Orefici di Napoli, ha adottato il numero 1,618 come brand per una linea di gioielli, spesso prodotti da stampi antichi, rifiniti e assemblati a mano e realizzati in bronzo e argento, in alcuni casi con l’aggiunta di pietre sintetiche. Molti gioielli, inoltre, sono un omaggio a forme antiche, ricordo della tradizione orafa napoletana, oppure con la lavorazione a canna vuota, che consente di utilizzare l’oro in spessori molto ridotti e abbassare i costi.

Anelli in bronzo della linea 1,618
Anelli in bronzo della linea 1,618

Anello con charms
Anello con charms

Orecchini pendenti della collezione Ricci
Orecchini pendenti della collezione Ricci
Orecchini della collezione Ricci
Orecchini della collezione Ricci
Collana della collezione Ricci
Collana della collezione Ricci

Orecchini in argento realizzati con microgranulazione
Orecchini in argento realizzati con microgranulazione







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *