da sapere — Marzo 23, 2020 at 4:00 am

Gioielli a forma di mano 




Pendenti e ciondoli a forma di mano. Volete sapere perché si indossano gioielli a forma di mano e che cosa significa il simbolo? ♦︎

Nella gioielleria ricorre spesso la forma della mano, per esempio con ciondoli o pendenti: questo simbolo è considerato un portafortuna. Ma non significa solo questo. Se vi siete chiesti che cosa significa il simbolo della mano, leggete la spiegazione. Il simbolo della mano, infatti, ha una lunga storia alle spalle. Per esempio, sarebbe già stato utilizzato duemila anni fa dai Cartaginesi e, in generale, in Nordafrica: era un simbolo della dea Tanit, consorte del dio Baal. Il culto di Tanit era legato a quello della Luna e della fertilità.

Anello con ciondolo mano di Fatima
Swarovski, anello con ciondolo mano di Fatima

Nomi diversi. La diffusione del simbolo della mano, che di solito in gioielleria è utilizzato come ciondolo o pendente, è nato in Medio Oriente. Ma ha nomi diversi: è chiamata la mano di Alo dai i musulmani, oppure è indicata con il nome di Hamsa o Khamsa (parola che in arabo‎ significa «cinque» e si riferisce alla religione islamica: è il numero che indica i pilastri dell’Islam). Ma questa icona è anche chiamata Mano di Fatima, quarta e ultima figlia del profeta Maometto. La leggenda la indica come simbolo di libertà: Fatima si tagliò la  mano per conquistare la libertà nei confronti del marito Alì, che aveva condotto a casa una concubina. E per questo gesto la mano è diventata anche simbolo della libertà conquistata dalle donne. L’amuleto, comunque, è considerato un portafortuna anche dagli appartenenti ad altre religioni.

Orecchino in argento a forma di mano di Fatima
Rosato, orecchino in argento a forma di mano di Fatima

Per i cristiani ortodossi, per esempio, è la mano di Miriam. E anche per gli ebrei è la mano di Miriam, cioè la sorella di Mosè e Aronne secondo le sacre scritture. Il numero cinque ricorre anche per gli ebrei: hamesh, in lingua ebraica, rappresenta i cinque libri della Torah. In generale, secondo la tradizione il nome era legato a una serie di interpretazioni di carattere religioso. Nel tempo, è diventato un simbolo che porta fortuna se indossato. Non ha niente a che fare, invece, con la Madonna di Fatima, cittadina del Portogallo dove si trova un luogo di culto per i cattolici.

Sidney Evan, mano di Fatima orecchini in oro 14 carati con diamanti e rubini. Prezzo: 400 euro

La mano oggi. La mano utilizzata in gioielleria è in genere considerata un amuleto slegato da credenze o fedi religiose. È un semplice portafortuna, una decorazione.  A volte il simbolo della mano è utilizzata anche per indicare gli spazi adibiti alle donne e il desiderio di indipendenza del genere femminile.

Bracciale in cuoio con mano di Fatima in oro e zaffiri
Pippo Perez, bracciale in cuoio con mano di Fatima in oro e zaffiri rosa

La forma. Il simbolo della mano è sempre uguale: cinque dita della destra simmetriche, quasi sempre semplificata con due pollici. Spesso il palmo è denso di arabeschi o di scritte. A volte si trova anche la forma di un occhio: anche in questo caso si tratta di una tradizione. Da alcuni, infatti, è chiamato l’occhio di Allah, mentre nei paesi anglosassoni è noto come evil eye, occhio malvagio, che è capace di scacciare la mala sorte. Per tutti, comunque, ha la stessa funzione: tenere lontani i guai, oppure semplicemente un ciondolo da indossare. Cosimo Muzzano

Sicis, ciondolo in oro e micromosaico
Sicis, ciondolo in oro e micromosaico
Ileana Makri, collana con ciondolo in oro giallo e diamanti
Ileana Makri, collana con ciondolo in oro giallo e diamanti
Roberto Demeglio, anello Joy in oro e diamanti
Roberto Demeglio, anello Joy in oro e diamanti
Thomas Sabo, mano di Fatima in oro rosa 18 carati e zircone
Thomas Sabo, mano di Fatima in oro rosa 18 carati e zircone

Annoushka, mano in oro giallo 18ct, rodiato nero, con micro diamanti di pavé e dorato
Annoushka, mano in oro giallo 18ct, rodiato nero, con micro diamanti di pavé e dorato







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *