Gioielli, Jewelry, Joaillerie, Joyas, Jewelen

Bracciale della collezione Genesi di Gismondi 1754

Trimestre ricco per Gismondi 1754

in news




Gismondi 1754, quotata al listino Aims di Borsa Italiana, continua nella sua politica di rendiconto trimestrale (anche se non ne ha l’obbligo) del business. Secondo gli ultimi dati resi noti, le vendite del secondo trimestre 2021 hanno registrato un fatturato gestionale consolidato totale pari a 2,5 milioni di euro, in crescita del 55%, rispetto ai 1,6 milioni del secondo trimestre 2020. Un dato che evidenzia la crescita continua e sostenuta del Gruppo nel semestre, considerato che il 1Q le vendite erano pari a 1,4 milioni.

Orecchino con smeraldi della collezione Genesi by Gismondi 1754
Orecchino con smeraldi della collezione Genesi by Gismondi 1754

Rispetto al corrispettivo periodo 2020, la crescita del secondo trimestre 2021 è stata spinta dalle vendite nel canale all’ingrosso, sia a livello europeo sia negli Usa, con variazioni percentuali in tripla cifra: +442% il delta in Europa (ricavi per 309.000 euro) e una forte ripresa negli Stati Uniti, dove le vendite sono ripartite appieno con ricavi pari a euro 268.000 euro. Anche il segmento Special Sales, che caratterizza la filosofia del su misura Gismondi 1754, ha messo a segno +19% rispetto al secondo trimestre 2020, passando da 933.954 euro a 1,1 milioni. Il negozio di St. Moritz che chiude con +84% di vendite rispetto allo stesso trimestre 2020 (50.669 euro).
Massimo Gismondi
Massimo Gismondi

«Il progressivo ritorno alla riapertura e agli spostamenti sicuramente è un segnale positivo che si riverbera anche nella maggior predisposizione agli acquisti. Grazie al canale digitale Gismondi 1754 è riuscita a consolidarsi anche nei momenti più difficili della pandemia nel 2020 e ora trova ancor più giovamento dal poter tornare a sfruttare tutti i canali di vendita a livello globale. In questo senso, è significativo notare come i risultati consolidati complessivi delle vendite del primo semestre 2021, pari a 3.903.173 euro, registrano una crescita del +76% rispetto a quelli del primo semestre 2019, quando il covid ancora non c’era e, quindi, con una situazione di mercato più direttamente confrontabile», recita una nota della società.






Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from news

Go to Top