anelli, da sapere — dicembre 2, 2018 at 5:00 am

Le 6 cose da chiedere prima di acquistare un gioiello





Ecco 6 cose da chiedere al vostro gioielliere prima di acquistare un gioiello. Lo sorprenderete ♦︎

Dovete acquistare un gioiello da regalare? Per esempio, un anello con diamante, oppure con un’altra pietra preziosa? Siete preoccupati? Certo, potete chiedere consiglio al vostro gioielliere. Ma avete mai conosciuto un contadino che non dica che le sue pere sono le più buone? Quindi, se dovete ancora acquistare un gioiello con una pietra costosa, leggete prima questo articolo: vi consiglierà che cosa chiedere quando siete in gioielleria.

Purtroppo accade, infatti, che in buona o cattiva fede, anche in gioielleria possano verificarsi equivoci, scelte sbagliate, o addirittura truffe.

Vetrina di una gioielleria
Vetrina di una gioielleria

La maggioranza dei gioiellieri non cercherà di imbrogliarvi, perché sa che garantire trasparenza e qualità significa anche conquistare un cliente, che tornerà da lui. Ma qualche volta succede il contrario. Anche perché il gioielliere parte da un presupposto: voi non capite nulla di gioielli. E se non leggete abitualmente quello che scriviamo su gioiellis.com potrebbe avere ragione.

1 Il prezzo è giusto?

Partiamo dal prezzo: piccoli diamanti, o piccole pietre preziose come rubini, zaffiri e smeraldi, sotto i 1.000 euro molto difficilmente sono di alta qualità. Certo, chi si accorge se un piccolo diamante è classificato come colore E oppure F? Praticamente nessuno. Tuttavia, chiedere al gioielliere il certificato che attesta la classificazione della pietra può far capire al gioielliere che non siete proprio sprovveduti.

Diamanti in vendita ad Anversa
Diamanti in vendita ad Anversa

2 Attenti ai diamanti

Se avete letto la nostra veloce guida sui diamanti saprete anche che cosa osservare, per esempio le eventuali inclusioni nella pietra. Non bisogna avere timore nel chiedere una lente per poter osservare meglio il gioiello. Un consiglio: di solito i difetti sono nascosti nella parte inferiore, per esempio dove si trovano i rebbi che fermano la pietra.

Osservate il diamante con una lente
Osservate il diamante con una lente

3 La parte nascosta

Altro consiglio: osservate con attenzione la parte inferiore, oppure quella meno visibile di un gioiello. Per esempio, la parte interna di un anello. La qualità di un gioiello, infatti, deve essere impeccabile anche nelle parti invisibili.

Anello in oro con pietre che compongono la parola Damiani
Anello in oro con pietre che compongono la parola Damiani

4 Cercate i numeri

Altro aspetto da controllare: l’incisione (la punzonatura) che identifica il tipo di metallo utilizzato, di solito espressa in millesimi. Per esempio, 999 è utilizzato per l’argento puro, mentre 925S sta per argento sterling, cioè puro al 92,5%, mentre il restante 7,5% è rame. Plat o Pt è invece la sigla che identifica il platino: anche qui 999 significa che è il metallo è puro. Anche per l’oro fate attenzione ai numeri: per esempio, 750 significa che è oro a 18 carati, 585 indica 14 carati, 375 oro a 9 carati, meno prezioso di tutti. Questo è importante anche perché indica che il gioiello è composto da altri metalli, per esempio il nichel, che possono causare allergie.

All'interno dell'anello in argento è visibile la punzonatura con il 925
All’interno dell’anello in argento è visibile la punzonatura con il 925

5 Il trucco del colore

Per migliorare l’aspetto del gioiello i produttori ricorrono a molti trucchi (leciti). Uno di questi è associare un metallo colorato a una pietra di colore simile. Per esempio, un anello in oro rosa farà risaltare di più il colore di un diamante rosa, oppure di un semplice quarzo. Un diamante brown, che è quello meno pregiato, potrà sembrare più tendente al color limone, più costoso, se incastonato in un anello di oro giallo.

Anello della collezione Wired in oro con calcedonio rosa e diamanti bianchi
Roule & Co, anello della collezione Wired in oro con calcedonio rosa e diamanti bianchi

6 Rebbi o castone?

In generale, è più facile che le pietre incastonate (cioè circondate da una banda di metallo che nasconde il bordo e la parte inferiore) possano nascondere qualche difetto. Al contrario, un bella pietra di solito è montata mantenendo il più possibile in vista ogni sua parte, anche quella inferiore, come nel caso degli anelli di tipo solitaire.

Anello con quattro griffe
Recarlo, anello con quattro griffe

Montatura a castone con zaffiro
Montatura a castone con zaffiro







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *