Maria Piana: orecchini

Quattro designer in due giorni

The Jewellery House si fa in quattro: sono le designer che il 23 e 24 febbraio a Milano, hanno pensato di esporre. Si tratta di Lucia Odescalchi, Maria Piana, Marie Khouri e Jacqueline Cullen, che presenteranno le loro nuove collezioni. Lucia Odescalchi propone pezzi unici, utilizzando ferro, acciaio, argento e dettagli in oro, lavorati come fossero tessuti o maglie. La collezione Continuity punta sul colore. Jaqueline Cullen arriva da Londra e utilizza un materiale inusuale, il Whitby Jet. Molto in voga all’epoca della regina Vittoria, questo materiale fossile nero è raro e viene recuperato da antiche miniere e cave in disuso. Sottoposto a una lavorazione che ne esalta le inclusioni e le imperfezioni naturali, può essere utilizzato in gioielleria. I gioielli di Jaqueline sono impreziositi da oro giallo e diamanti. Maria Piana, anch’essa con base a Londra, punta sull’innovazione stilistica. Collier, pettorali, cuff e anelli rievocano i gioielli-armatura. Il risultato è la creazione di collezioni originali. Presenta la linea Motus con pezzi in argento o bronzo placcati oro, che seguono i profili e il movimento del corpo. Marie Khouri, canadese con origini libanesi che abita a Parigi, nasce come scultrice. I suoi gioielli, prevalentemente cuff, anelli e collane, sono pezzi unici. Modellati in cera, sono scolpiti nel bronzo e ricoperti di oro 24 carati o argento, con dettagli in onice.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Fornas alla guida di Richemont

Next Story

La Pantera Rosa ruba diamanti per 40 milioni

Latest from Showroom

Romantica Stone Paris

Il romanticismo dei francesi con origine polacca nei gioielli di Marie Poniatowski, fondatrice di Stone Paris ♦