anelli, bijoux — marzo 5, 2018 at 4:00 am

A-Zero, anelli figli del design




Gli anelli A-Zero, pezzi unici, creati in pietra acrilica da Franco Eccel con il recupero di materiale utilizzato per gli oggetti di design ♦︎

Sono anelli. Ma creati con materiale di scarto. Detto così può sembrare poco attraente. Si tratta, invece, di un progetto innovativo che punta al recupero dei materiali. Gli anelli A-Zero, sono un’idea del designer Franco Eccel, e sono prodotti con gli scarti di lavorazione dei materiali solid surface che sono utilizzati per creare oggetti, ma anche componenti di arredo come i lavandini, dagli interior design. In particolare, il materiale plastico utilizzato si chiama Hi-Macs ed è prodotto dalla coreana Lg. Con quello che avanza dalle lavorazioni sono creati gli anelli, che sono pezzi unici, realizzato a mano e numerati. Insomma, da un tipico prodotto della produzione seriale, la particolare, robusta plastica per gli oggetti di design, si crea un bijoux artigianale. Per trasformare la plastica in anelli è utilizzata la tecnica giapponese del Kintsugi, che consiste nell’utilizzo di oro o argento liquido o lacca con polvere d’oro per la riparazione di oggetti in ceramica. In questo modo i segni di giunzione tra i singoli frammenti sono volutamente evidenziati da colle a contrasto, che diventano motivi di decorazione. Gli anelli, inoltre, sono particolarmente piacevoli al tatto, grazie a Hi-Macs, che è un materiale acrilico combinato con minerali e pigmenti naturali che creano una superficie liscia e non porosa. Rudy Serra




Anelli realizzati con Hi-Macs
Anelli realizzati con Hi-Macs
Anelli A-Zero
Anelli A-Zero
Anello con pietra acrilica
Anello con pietra acrilica
Anello A-Zero
Anello A-Zero

Anello rosso
Anello rosso







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *