Guy Bedarida

Soleil sorge con Marina B




Il fascino del sole del Mediterraneo, il fascino degli anni Ottanta: sono i due aspetti che danno vita alla nuova collezione Soleil firmata dal brand Marina B. I gioielli, infatti, reinterpretano la collezione Sun della fondatrice del brand, Marina Bulgari. I gioielli comprendono grandi orecchini chandelier e bracciali con catena tubogas. A rispolverare l’idea di Soleil, 40 anni dopo, è Guy Bedarida, direttore creativo di Marina B. Il marchio italiano, infatti, è stato acquisito nel 2019. Da Bedarida, italo-francese con oltre 25 anni di esperienza: ha iniziato la sua carriera disegnando per Boucheron, ha continuato a Van Cleef & Arpels prima di entrare a far parte di John Hardy come direttore creativo dal 1999 al 2015. Ora si dedica al rilancio di Marina B.

Orecchini Soleil con smeraldi Muzo
Orecchini Soleil con smeraldi Muzo

Soleil è anche un simbolo del risorgere della luce dopo la pandemia, in tempi che anche per la gioielleria non sono facili. Marina B è anche la testimonianza di un’avventura, quella di Marina Bulgari che nel 1976 ha lasciato la Maison di famiglia per creare il proprio marchio. Marina ha inventato tagli di pietre preziose e aperto con successo il suo primo showroom a Ginevra nel 1978, e poi a Milano, Parigi e New York. E oggi il brand torna alla ribalta con Soleil.

Bracciale con tubogas
Bracciale con tubogas
Anello in oro giallo 18 carati
Anello in oro giallo 18 carati
Orecchini chandelier Soleil in oro giallo 18 carati
Orecchini chandelier Soleil in oro giallo 18 carati
Collana Soleil con nove pendenti in oro giallo 18 carati
Collana Soleil con nove pendenti in oro giallo 18 carati
Ciondolo con rubino
Ciondolo con rubino






Viaggio a Bali con John Hardy

/




John Hardy, il brand nato a Bali con dna francese. Ecco le ultime creazioni ♦

Un po’ di Bali, un po’ di Europa: il risultato è lo stile John Hardy. Fondata dal designer canadese John Hardy nel 1975, il brand è conosciuto per i suoi disegni ispirati all’artigianato asiatico, utilizza tecniche tradizionali e i gioielli sono fatti a mano. L’idea è quella di proporre un «lusso sostenibile». La produzione dei gioielli è realizzata a Mumbal, Bali. Il brand sottolinea la sua filosofia verde: la factory serve anche come fattoria biologica e gli edifici sono a basso impatto ambientale. Nel 1999, Guy Bedarida, un senior designer di haute joaillerie di Boucheron e Van Cleef and Arpels, è entrato in azienda come capo progettista e ha ampliato il concetto di design di Hardy per includere l’uso di tecniche di gioielli classici europei e nuovi motivi. Con gli anni il marchio si è affermato e ora la sede della società è stata trasferita a Hong Kong, mentre un ufficio è stato aperto a New York. John Hardy ha anche aperto il suo primo flagship store a Plaza Indonesia, Jakarta nel 2010. Ma, soprattutto, l’azienda vende in tutto il mondo online. I gioielli di John Hardy sono soprattutto in argento sterling, prodotti con l’utilizzo di tecniche tradizionali balinesi di gioielleria. Guy Bedarida, nato nel 1963 e cresciuto tra Parigi e Firenze, ha radici francesi e italiane. Giulia Netrese




Bracciale in oro martellato e diamanti
Bracciale in oro martellato e diamanti
Collana multi filo in oro martellato e diamanti
Collana multi filo in oro martellato e diamanti
Orecchini in oro martellato e diamanti
Orecchini in oro martellato e diamanti
Bracciale in argento con acquamarina e cianite, catena soft flex
Bracciale in argento con acquamarina e cianite, catena soft flex
Bracciale in argento con granati e tormalina, catena soft flex
Bracciale in argento con granati e tormalina, catena soft flex
Bracciale in argento, tormalina rosa, granato rosa e viola
Bracciale in argento, tormalina rosa, granato rosa e viola
Bracciale in argento con topazio Blue London, Swiss Blue, e zirconi blu
Bracciale in argento con topazio Blue London, Swiss Blue, e zirconi blu
Orecchini in argento rodiato e pavé di diamanti
Orecchini in argento rodiato e pavé di diamanti
Collana regolabile in argento con madreperla
Collana regolabile in argento con madreperla







Marina B. venduta a Guy Bedarida



Marina B. ha un nuovo proprietario: Guy Bedarida. In programma il rilancio e uno store in Italia ♦︎

La marca italiana Marina B. è stata fondata da Marina Bulgari, terza generazione della famiglia Bulgari. Ora, però, la B. sarà anche la iniziale di Bedarita, ex direttore creativo di John Hardy dal 1998 al 2015, che ha acquistato la Maison italiana. Guy Bedarida è un esperto di gioielleria di alto livello e ha lavorato anche per Van Cleef & Arpels e Boucheron. Di Marina B. ha acquistato la quota di maggioranza. Sarà lui, dunque, anche il direttore creativo di Marina B. e sostituirà Giorgio Bulgari, nipote di Marina. A vendere il brand è stato il proprietario della Maison, Paul Lubetsky, ceo di Windsor Jewelers.

Marina Bulgari ha fondato il suo marchio di gioielli nel 1978. Lo stile era caratterizzato dall’utilizzo dell’oro e dall’intarsio nero smaltato, con pietre preziose montate su acciaio o oro nero, tagli triangolari arrotondati sulle gemme, con un cuore al contrario. La fondatrice aveva venduto il suo marchio nel 1999 allo sceicco saudita di Jeddah, Ahmed Fitaihi, che nel 2010 ha venduto Marina B. a Lubetsky. Windsor Jewelers conserverà comunque una quota di minoranza. L’obiettivo di Bedarida sarà aggiornare i classici modelli Marina B., visto che in archivio si trovano circa  12.000 schizzi e disegni. I prezzi dei gioielli della Maison variano in media da 8.000 a 3 milioni di dollari. Altra novità: sarà aperto un flagship store in Italia. Federico Graglia

Leggi anche Marina B. tratta la vendita




Marina B., anello in oro, diamanti e ametiste
Marina B., anello in oro, diamanti e ametiste
Guy Bedarida
Guy Bedarida
Orecchini intercambiabili Pneu
Orecchini intercambiabili Pneu
Orecchini Lina con diamanti e zaffiri blu
Orecchini Lina con diamanti e zaffiri blu
Orecchini in oro con motivo a triangoli
Orecchini in oro con motivo a triangoli

Orecchini Pampilles in oro, diamanti e zaffiri gialli
Orecchini Pampilles in oro, diamanti e zaffiri gialli