news — settembre 17, 2015 at 5:53 pm

Gioielli di gusto, ma non da mangiare

Tante vetrine colme di cibo da indossare: la mostra Gioielli di Gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi piacerà a chi ama oro e pietre preziose, ma anche a chi adora stare a tavola. Il connubio tra monili e cibo è inconsueto. Ma l’Expo di Milano, dedicata al food, è stata un’ottima coincidenza per organizzare questa sorprendente esposizione, aperta al pubblico dal 18 settembre all’8 dicembre 2015, al primo piano di Palazzo Morando, in pieno fashion district.

Che cosa si trova alla mostra? Semplice: gioielli che sembrano cibo e alimenti che assomigliano a gioielli. Li hanno selezionati (con parecchi difficoltà), Mara Cappelletti, insegnante di storia del gioiello, mentre gli allestimenti sono del designer Alejandro Ruiz,  e le curatrici della mostra sono Maria Canella, Mariateresa Chirico e Anty Pansera.

La sezione dedicata ai gioielli propone pezzi di grandi firme, con bellissimi oggetti ottocenteschi appartenenti alla collezione De Marchi ed esemplari Art Déco e degli anni Trenta e Quaranta, tra cui pezzi storici di Mauboussin. Si arriva poi agli anni Cinquanta, Sessanta e Settanta, per concludere con i contemporanei (alcuni realizzati in occasione della mostra). La sezione ospita anche due gioielli dalla storia originale, i ciondoli – realizzati da Rosamaria Venetucci per Didoni Pietre, che riproducono per forma e dimensioni la pralina vincitrice del World Chocolate Masters nel 2013.

«Il tema degli alimenti è proposto in maniera ricorrente negli ornamenti. Se il riferimento è quello alto dei gioielli più preziosi, moltissimi sono i bijoux vintage, quelli contemporanei e quelli della moda che interpretano in modi diversi il tema gourmand», spiega Mara Cappelletti. «Con questa mostra abbiamo voluto rappresentare tutti questi mondi che, sempre più spesso,  prendono ispirazione l’uno dall’altro. Grazie all’appassionato lavoro di ricerca compiuto dalle curatrici, siamo in grado di proporre una serie di racconti fantastici che accomunano il piacere estetico a quello del gusto».

Vale la pena, infine, di citare promotori e sponsor: Gioielli di Gusto è stata voluta dal Comune di Milano e prodotta dall’Associazione Memoria e Progetto, in collaborazione con Università degli Studi di Milano, la Scuola Professionale Galdus; Cooperativa Cooro,  con il patrocinio di Associazione Orafa Lombarda e Cibjo The World Jewellery Confederation. Sponsor e partner tecnici della mostra sono Daca Vetrina d’Autore, Daya, Ferrari Group, FPE,  e una selezione di produttori di gioielli da gustare selezionati da Orchestra Italian Lifestyle. La mostra avrà come media partner L’Orafo Italiano, È Italia, UnPOxExpo e Emobile.

Stilisti preziosi

C’è poi la sezione Il gusto della moda: frutti, gelati, dolci, bacche, pasta e persino uova che si trasformano in bijoux. Moschino, Ferrè, Missoni, Marras, Krizia e le loro creazioni di fashion jewellery di Ayala Bar, Mary Frances, Yvone Christa New York e Ornella Bijoux. Ci sono anche borse, abiti, e orologi con quadrante a forma di peperone o cinturini-pancetta.

Altra sezione: Il gusto contemporary. Raccoglie una collezione di pezzi unici o realizzati in piccolissime serie, inerenti al tema, tra i più interessanti del panorama italiano e internazionale. Ospita 15 designer. Ci si trova il pane smaltato di Annalisa Cocco a quello bruciato di Nicoletta Frigerio, dal lichene di Eleonora Ghilardi ai charm di Gioielli DOP, dal recupero di materiali e oggetti di Franca Goppion- Fragolab e Veronica Guiduzzi al lavoro di astrazione di Gum e Giorgio Gurioli, dai cioccolatini in vetro di Elena Rosso a quelli in carta di Angela Simone, dalle creazioni di LaHormiga e Barbara Uderzo ai bracciali in sughero di Tappo’s, per finire con la giapponese Norihito Hatanaka (gioielli in plastica che sembrano piatti reali) e l’israeliana Yael Friedman (frutta e vegetali essiccati).

Infine, Il gusto vintage, con bijoux da prima metà Ottocento fino agli anni Novanta. Qui si trovano pezzi di Trifari, Boucher e Sharra Pagano e le collezioni storiche di Fendi, Ferré e Lagerfeld, ma anche dalle collezioni di Deanna Farneti Cera e Demaldè, con un angolo riservato agli uomini: gemelli, soggetti di caccia e pesca, o elementi della cucina, birra e Coca-Cola.

Gioielli di gusto. Racconti fantastici tra ornamenti golosi
Palazzo Morando | Costume Moda Immagine
via Sant’Andrea 6, primo piano, Milano
18 settembre – 8 dicembre 2015
Dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.30
Lunedì  chiuso
Biglietto (mostra + collezioni)
 12 euro intero / 8 ridotto (studenti fino ai 25 anni, over 65)
bambini fino ai 12 anni gratis
Martedì dalle 14.00 e la prima domenica di ogni mese: 7 euro intero / 4 ridotto

Sharra Pagano, collana arachidi
Sharra Pagano, collana arachidi
Lagerfeld, disegnato da Ugo Correani, collana con pendente biscotto, 1984
Lagerfeld, disegnato da Ugo Correani, collana con pendente biscotto, 1984
Spilla ciligie, Vitali
Spilla ciligie, Vitali
Orecchini piselli, Trifari
Orecchini piselli, Trifari
Spilla uva, Rivoli
Spilla uva, Rivoli
Sharra Pagano ,bracciale Cocomero, fine anni Settanta
Sharra Pagano ,bracciale Cocomero, fine anni Settanta
Donatella Pellini per Fendi, pasta 1980
Donatella Pellini per Fendi, pasta 1980
Ornella Bijoux, bacche
Ornella Bijoux, bacche
La mostra Gioielli di Gusto
La mostra Gioielli di Gusto
L'interno della mostra Gioielli di Gusto
L’interno della mostra Gioielli di Gusto
Ornella Bijoux, tiara
Ornella Bijoux, tiara
Spilla di Ornella Bijoux
Spilla di Ornella Bijoux
Yvonne Christa New York, Olive Tree, 2015
Yvonne Christa New York, Olive Tree, 2015
Borsa Golden Apple, Mary Frances
Borsa Golden Apple, Mary Frances
Collier bacche, Goji Ayala Bar
Collier bacche, Goji Ayala Bar
Marras, orecchini bacche
Iconoclass per Marras, orecchini bacche
Krizia, collana festoni grappoli uva, 2000 circa
Krizia, collana festoni grappoli uva, 2000 circa
Mariella Burani Coffa
Mariella Burani Coffa
Spilla ciondolo Grappolo d'uva, De Simone (oro e perle South Sea)
Spilla ciondolo Grappolo d’uva, De Simone (oro e perle South Sea)
Collier Fusilli, di Giorgio Gurioli
Collier Fusilli, di Giorgio Gurioli
Bracciale rigido Frutta secca di R'or
Bracciale rigido Frutta secca di R’or
Friedman ,spilla con frutta essiccata
Friedman ,spilla con frutta essiccata
Gioielli Dop, bracciale serie Lombardia
Gioielli Dop, bracciale serie Lombardia
Nicoletta Frigerio, bracciale
Nicoletta Frigerio, bracciale
Giorgio Gurioli, Collier Fusilli 2015
Giorgio Gurioli, Collier Fusilli 2015
Angela Simone, Sweet Paper Classic Ring
Angela Simone, Sweet Paper Classic Ring
Barbara Uderzo, anello aragosta presbite 2009
Barbara Uderzo, anello aragosta presbite 2009
Veronica Guiduzzi, collier Caffè spaziale 1999
Veronica Guiduzzi, collier Caffè spaziale 1999

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *