vetrina — Luglio 11, 2019 at 4:30 am

I miti di Pierre d’Alexis





Pezzi unici, gemme, esoterismo nei gioielli del brand svizzero Pierre d’Alexis ♦︎

L’amore per le gemme si manifesta in tanti modi diversi. A volte, anche in modo sorprendente, per esempio nella École de la Vallée de Joux.  In questo angolo di Svizzera, nella valle del Giura, cantone di Vaud, nel 1994 si è specializzato in alta gioielleria e gemmologia Grégoire Maret. Artigiano e gioielliere, Maret ha dato vita a Pierre d’Alexis, una piccola boutique che produce pezzi unici con uno stile lontano da ogni tradizione, tra minimal ed eclettico, piccole opere singole.   

Anello mobile in oro giallo, grigio e rosso rivolto su se stesso nell'asse del diamante
Anello mobile in oro giallo, grigio e rosso rivolto su se stesso nell’asse del diamante

Maret, infatti, ama i gioielli d’arte, pezzi su commissione o espressione della sua libera creatività, che realizza lui stesso. Non manca una buona dose di simbolismo e di riferimenti più o meno espliciti alle antiche civiltà del passato, e all’arte tribale, egizia e vichinga. E, infine, si è spinto ancora più indietro nel tempo nella riscoperta culturale dell’arte celtica, che ha ispirato i primi pezzi della sua collezione di gioielli unici e numerati. L’anello Fiore Cosmico, per esempio,  rappresenta dinamica vegetale ed esoterismo sottostante. Ma potrebbe piacervi anche se lo considerate semplicemente a forma di una stella. Lavinia Andorno





Anello Coeur de Dragon, con oro grigio o rosso, spinelli non trattati, diamanti
Anello Coeur de Dragon, con oro grigio o rosso, spinelli non trattati, diamanti

Pendente di Pierre d'Alexis
Pendente di Pierre d’Alexis. Foto: DFraga
L'anello Fleur Cosmique, in oro grigio e diamanti
L’anello Fleur Cosmique, in oro grigio e diamanti
Pendente Masque
Pendente Masque

Spilla di Pierre d'Alexis. Foto: DFraga
Spilla di Pierre d’Alexis. Foto: DFraga







Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *