roberto cavalli

Shourouk, fantasia oltre la moda


x



I bijoux pieni di estro e colori firmati da Shourouk Rhaiem, dalla moda agli accessori di lusso ♦︎

Il mondo dei bijoux è vasto come un oceano in cui nuotano tanti pesci uno diverso dall’altro. I bijoux, infatti, lasciano maggiore libertà  ai designer che li progettano rispetto alla gioielleria in oro e pietre preziose. Per i bijoux i materiali contano relativamente, quello che importa è la fantasia di chi li concepisce. E a Shourouk Rhaiem la fantasia non manca. Colori forti e forme sorprendenti sono il suo marchio di fabbrica.

Orecchini Theodora in ottone
Orecchini Theodora in ottone

Shourouk racconta che da bambina aveva già la passione per i monili, nata giocando con i braccialetti di diamanti della nonna. Per comprendere il suo stile, però, è necessario raccontare la sua storia e le esperienze in Maison della moda come Chloé e Galiano a Parigi oppure Roberto Cavalli a Firenze. Tra gioielli e moda, ecco i bijoux, la terza via della creatività. Nel 2008 la designer ha così deciso di fondare l’azienda che porta il suo nome.

Collana con perle barocche
Collana con perle barocche
Bracciale Baraka con cubic zirconia
Bracciale Baraka con cubic zirconia
Orecchini in ottone placcato con perle barocche
Orecchini in ottone placcato con perle barocche
Bracciale Eye con cubic zirconia
Bracciale Eye con cubic zirconia
Anello dorato
Anello dorato

Orecchini in ottone placcato con perle barocche, made in Italy
Orecchini in ottone placcato con perle barocche, made in Italy







I gioielli di Beyoncé

Ha fatto parlare non soltanto i suoi fans, ma anche seri giornalisti e commentatori televisivi: Beyoncé ha lanciato il suo album video, Lemonade, con un messaggio dirompente contro la società e gli uomini (quelli che tradiscono facilmente, forse il suo Jay-Z). Proprio per questo ha attirato l’attenzione su di sé. Dato che il video dura un’ora, la cantante indossa una serie di abiti (tra cui uno giallo senape della collezione autunno di Roberto Cavalli) e anche una numerosa serie di gioielli. Quali? Li ha rivelati il sito hollywoodreporter.com, che ha intervistato la costumista svedese Bea Akerlund, responsabile del progetto. «Le scarpe sono Saint Laurent, e ho mescolato un sacco di gioielli. Beyoncé indossa pezzi realizzati artigianalmente, una cavigliera e una catena per il corpo di Jacquie Aiche, un ear-cuff di diamanti (sembra un grande bracciale appeso al suo orecchio destro) e un anello di Lynn Ban, un anello di Jennifer Fisher, orecchini a cerchio in oro di Fallon, un anello su misura di Milka “B”, e un braccialetto da Le Vian». Così ora potete imitare l’outfit di Beyoncé, ma senza mazza da baseball, please. Rudy Serra

Beyoncé con orecchini a cerchio in oro di Fallon, e con earcuff di Lynn Ban
Beyoncé con orecchini a cerchio in oro di Fallon, e con earcuff di Lynn Ban
Orecchini indossati in «Lemonade»
Orecchini indossati in «Lemonade»
Beyoncé con l'abito di Roberto Cavalli
Beyoncé con l’abito di Roberto Cavalli
Beyoncé con un grande anello di Lynn Ban
Beyoncé con un grande anello di Lynn Ban

Anche Tiffany nell’asta per il Duomo

/

Se non siete nati a Milano non conoscete il classico modo di dire: quando qualcosa va per le lunghe si dice che «è come la fabbrica del Duomo». Perché la maggiore chiesa di Milano è stata completata con un lavoro lungo secoli. E ha bisogno di manutenzione continua. Che c’etra tutto ciò con i gioielli? Martedì 19 aprile il nesso ci sarà. La Veneranda Fabbrica, con il patrocinio della Camera Nazionale della Moda Italiana, e il sostegno di Tiffany & Co, oltre che la collaborazione di Christie’s, hanno organizzato un progetto di raccolta fondi a sostegno dei restauri del Duomo. L’idea si chiama Adotta una Guglia e coinvolge un settore per il quale Milano è famosa: la moda. Alcuni brand del fashion hanno scelto di aderire all’iniziativa La Moda aiuta il Duomo, mettendo generosamente a disposizione le proprie creazioni. Che due passi dal Duomo, a Palazzo Reale, saranno messe all’asta: il ricavato sarà interamente destinato al Duomo. Le griffe che partecipano sono Giorgio Armani, Brunello Cucinelli, Cividini, Corneliani, Costume National, Etro, Salvatore Ferragamo, Genny, Gucci, Isaia, Krizia, Loriblu, Martino Midali, Missoni, Moncler, Moreschi, OTB Diesel, Prada, Emilio Pucci, Roberto Cavalli, Tod’s, Trussardi, Vicini, Vivienne Westwood. Tiffany, ovviamente, partecipa donando un gioiello. Inoltre, a partire da giovedì 14 aprile, coloro che entreranno all’interno del Grande Museo del Duomo, tra le sale del palazzo visconteo, troveranno esposti dieci abiti destinati all’asta impreziositi dai gioielli scelti per l’occasione da Tiffany. Per l’occasione, nelle giornate del 14 e del 16 aprile, il Museo resterà aperto fino alle 22. Federico Graglia

Esposizione aperta al pubblico
14 aprile 2016, dalle ore 13.00 alle ore 22.00
16 aprile 2016, dalle ore 10.00 alle ore 22.00
15-17-18 aprile 2016, dalle ore 10.00 alle ore 18.00
19 aprile 2016, dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Ultimo accesso un’ora prima della chiusura
Asta (su invito)
Grande Museo del Duomo di Milano |Palazzo Reale, Piazza del Duomo 12
La Moda aiuta il Duomo
Martedì 19 aprile 2016, ore 19.30
Sala delle Colonne del Grande Museo del Duomo di Milano
Ingresso con visita in Museo da Piazza del Duomo, 12

Abito di Vivienne-Westwood
Collier Bean in legno giapponese laccato disegnato da Elsa Peretti per Tiffany & Co., abito Vivienne Westwood
Bracciali Bone in argento disegnati da Elsa Peretti per Tiffany & Co., abito Etro
Bracciali Bone in argento disegnati da Elsa Peretti per Tiffany & Co., abito Etro
Collier Tiffany 1837 in argento e RUBEDO Metal Tiffany & Co., abito Genny
Collier Tiffany 1837 in argento e Rubedo Metal Tiffany & Co., abito Genny
Collier Smile della collezione Tiffany T in oro bianco e diamanti e bracciale Tiffany Atlas in oro bianco e diamanti, abito Roberto Cavalli
Collier Smile della collezione Tiffany T in oro bianco e diamanti e bracciale Tiffany Atlas in oro bianco e diamanti, abito Roberto Cavalli
Collier Tiffany T in argento e bracciale alto Tiffany T in argento, abito Genny
Collier Tiffany T in argento e bracciale alto Tiffany T in argento, abito Genny

01-La-Moda-aiuta-il-Duomo---Etro1

Stroili sarà venduta a un indiano?

Una indiscrezione clamorosa scuote il mondo del gioiello: Stroili diventa indiana. Secondo quanto scrive il solitamente bene informato Carlo Turchetti sul Corriere Economia, Stroili Oro sta per essere venduta al fondo Emerisque. Si tratta di un fondo fondato e diretto da Ajay Khaitan, indiano con residenza britannica. Il negoziato sarebbe alle fasi conclusive e potrebbe essere portato a termine entro novembre, cioè nel giro di 15 giorni. Il prezzo di acquisto non è ancora noto, ma si parla di una cifra intorno a 300 milioni, più del fatturato (230 milioni). L’indiano Khaitan avrebbe così superato in corsa gli altri due pretendenti della catena di preziosi guidata da Maurizio Merenda, che conta su una distribuzione di 370 negozi. Insomma, gli altri in lizza, il fondo italiano Clessidra di Claudio Sposito, che si avvale dell’esperienza dell’ex amministratore di Bulgari, Francesco Trapani, così come i russi di Vtb, che stanno acquistando Roberto Cavalli, hanno perso la corsa. A vendere sono, ovviamente, i soci di Stroili: il fondo Investindustrial di Andrea Bonomi (che detiene il 31% in via indiretta), Intesa Sanpaolo (12%), 21 Investimenti (cioè i Benetton, con circa 9%) e Wise sgr (circa 9%). A questi, con quote minori, si aggiungono il fondo Ergon, il finanziere Francesco Micheli e i De Nora. Emerisque lo scorso anno ha acquisito da Permira i marchi Mcs 

Maurizio Merenda, ad di Stroili Oro
Maurizio Merenda, ad di Stroili Oro
Boutique Stroili a Milano
Boutique Stroili a Milano

Cavalli a fiori (e frustino)

[wzslider]Roberto Cavalli non è mai stato uno stilista minimalista e anche per il prossimo autunno propone stampe animalier e motivi floreali, riprodotti su tutti i tipi di tessuto, dalla seta alla pelle al velluto. Insomma, il re del «barocco ‘n’ roll» non  rinuncia ai dettagli rock, per esempio i caftani sono decorati con disegni di fiamme avvolgenti come i caschi dei rider. E i gioielli, molto appariscenti, seguono lo stesso stile: dalla collana con la testa di pantera e borchie, al bracciale con la testa di cavallo in Swarosvky, al frustino per le più audaci. Ecco immagini e prezzi.L.A.

Eva Cavalli: Roberto mi copre d’oro

Eva Cavalli
Eva Cavalli

Non solo ha creato una linea di gioielli. Ma pietre e oro gli piacciono così tanti da non lesinare regali di preziosi alla moglie. Lo rivela l’agenzia Cover Media, secondo cui lo stilista Roberto Cavalli è prodigo nel regalare gioielli alla moglie Eva. Un’abitudine che il designer toscano ha iniziato nel 1977, subito dopo aver conosciuto la compagna. Eva, infatti, è stata avvistata spesso con indosso monili delle più varie fogge, gran parte delle volte non in modica quantità. «Qualche anno fa indossavo sempre molti gioielli. Roberto mi prendeva in giro dicendomi: Se mai ti dovessero rapire, ti lascerebbero andare subito e si terrebbero i tuoi mille monili! Oggi preferisco un look più sobrio», ha dichiarato Eva, secondo quanto riporta Cover Media. Che racconta come il primo regalo dello stilista alla moglie sia stato proprio un braccialetto d’oro decorato da una testa di serpente, che Eva conserva ancora. Federico Graglia