Il gioiello ispirato al quadro «Orologio molle al momento della prima esplosione» di Salvator Dalì
Il gioiello ispirato al quadro «Orologio molle al momento della prima esplosione» di Salvator Dalì

Salvator Dalì diventa gioiello con Davide Currado




C’è chi colleziona quadri di grandi pittori. E c’è chi quei quadri li riproduce. Ma non su tela: Davide Currado, gioielliere di Valenza, accanto alla sua abituale attività (nelle boutique di San Remo e Courmayeur), ha intrapreso un viaggio nel mondo dell’arte, ma a modo suo. Il gioielliere, infatti, ha inanellato una serie di gioielli che riproducono famose opere d’arte. Sono pezzi unici, come i quadri che sono la fonte d’ispirazione. Al posto di colori a olio, Currado utilizza oro e pietre preziose. L’ultima fatica del gioielliere è un pendente che riproduce la celebre opera di Salvator Dalì, il maestro spagnolo del surrealismo.

Il gioiello ispirato al quadro «Orologio molle al momento della prima esplosione» di Salvator Dalì
Il gioiello ispirato al quadro «Orologio molle al momento della prima esplosione» di Salvator Dalì

Il gioiello realizzato da Currado, infatti, riproduce l’opera Orologio molle al momento della prima esplosione, che il pittore catalano ha composto nel 1954 e che è un esempio da manuale della storia del surrealismo. Realizzare il gioiello, però, è stato probabilmente più impegnativo che dipingere il quadro sulla tela. Davide Currado e i maestri orafi che hanno eseguito il lavoro, infatti, ci hanno impiegato sei mesi per incastonare le 974 gemme necessarie per riprodurre le sfumature del quadro, particolarmente impegnativo per le tonalità sfumate utilizzate da Dalì. Al posto della tela, il gioiello utilizza un lingotto d’oro di 5 centimetri. È stato necessario utilizzare oltre cento elementi di oreficeria in dimensioni e spessori ridotti: un ostacolo tecnico superato dopo un attento studio ingegneristico.

Confronto tra il quadro di Dalì e il gioiello di Davide Currado
Confronto tra il quadro di Dalì e il gioiello di Davide Currado

Nonostante le difficoltà, il pendente riproduce fedelmente l’orologio liquefatto e i tanti dettagli che rendono misteriosa l’atmosfera dell’opera originaria. A differenza del quadro di Salvator Dalì, però, il gioiello surrealista di Davide Currado non sarà messo in vendita. Farà parte della galleria personale del gioielliere, che in passato ha già realizzato analoghe opere  ispirate al lavoro di Piet Mondrian, Pablo Picasso ed Edvard Munch.

Il medaglione ispirato all'opera di Dalì
Il medaglione ispirato all’opera di Dalì
Un momento della lavorazione
Un momento della lavorazione

Un momento della lavorazione. Il gioiello è composto da 974 gemme
Un momento della lavorazione. Il gioiello è composto da 974 gemme

La boutique a San Remo
La boutique a San Remo







Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Le nuove sorprese di Theo Fennell

Next Story

Derek Katzenbach, re della tormalina

Latest from News

Addio a Marina Bulgari

È morta a Roma Marina Bulgari, figlia di Costantino Bulgari, primo figlio di Sotirios (l’altro era