Wallis Hong, orecchini sirena in titanio e diamanti
Wallis Hong, orecchini Sirena in titanio e diamanti

I designer talenti emergenti a GemGèneve

Dieci designer e talenti emergenti e quattro nuovi designer rappresenteranno la nuova gioielleria alla prossima edizione di GemGèneve (Palaexpo, 11-14 maggio 2023), selezionati su iniziativa di Nadège Totah. Lo spazio dedicato ai creatori contemporanei, emergenti o ancora poco conosciuti è una caratteristica dell’evento organizzato da Ronny Totah e Thomas Faerber. GemGèneve si è affermata soprattutto per la presenza di aziende specializzate nel commercio di grandi gemme, di gioielli d’epoca, ma anche di creatori di gioielleria contemporanea.

Espositore a GemGèneve
Espositore a GemGèneve

I sei talenti emergenti comprendono Fred Fa, Belgio, che realizza a mano ogni progetto, disegno tecnico e guazzo. Aso Leon, Cina, è un artista di gioielli pluripremiato che lavora nella gioielleria da 27 anni. Nel 2005 ha introdotto il titanio nelle sue realizzazioni di alta gioielleria, diventando noto come il Principe del Titanio. Denise Cassou Couture Jewelry viene dal Brasile: viaggiatrice appassionata, fotografa, regista e designer, ha ideato e realizzato gioielli per sé stessa, le figlie e gli amici prima di offrire la sua creatività al resto del mondo.
Fred Fa, anello Fruit de la Vigne, con zaffiri, tanzaniti, tsavoriti, rubelliti e diamanti
Fred Fa, anello Fruit de la Vigne, con zaffiri, tanzaniti, tsavoriti, rubelliti e diamanti

Teresa Escudero, Spagna, si è laureata in Storia all’Università di Santiago de Compostela prima di diventare una designer di gioielli. Il suo brand si chiama Rites of Passage Art Jewellery e utilizza materiali come meteoriti metalliche di 3,5 miliardi di anni fa, appartenenti alla fascia di asteroidi tra Marte e Giove, assieme a pietre preziose e rare, pietre grezze e materiali organici come il legno. Iwona Tamborska, Polonia, già presente nel maggio dell’anno scorso, ritorna tra i talenti emergenti: utilizza materiali insoliti come frammenti di meteorite, piante e insetti, ma anche tessere di puzzle con parti mobili nascoste e messaggi celati.
Teresa Escuder, orecchini in oro giallo con uno smeraldo colombiano grezzo, acquamarina del Madagascar grezza e 9 grammi di meteorite Sikhote Alin
Teresa Escuder, orecchini in oro giallo con uno smeraldo colombiano grezzo, acquamarina del Madagascar grezza e 9 grammi di meteorite Sikhote Alin

Wallis Hong, Madrid, Spagna, anche lui presente nella scorsa edizione, è un artista autodidatta, che ha studiato scultura e pittura all’Accademia d’Arte di Madrid. Crea dei gioielli-scultura molto raffinati e creativi. I suoi iconici orecchini Thorn shell sono entrati a far parte della collezione permanente del Museo del Gioiello di Shenzhen in Cina.
Austy Lee Art Jewellery, Hong Kong, è un ex graphic designer che crea pezzi audaci, psichedelici, scultorei e complessi, ispirati a temi che fondono pop-punk, avanguardia, religione, antichità e moda.
Wallis Hong. Copyright: gioiellis.com
Wallis Hong. Copyright: gioiellis.com

A.win Siu, Cina, utilizza colori decisi e combinazioni di metalli e minerali. Creato nel novembre 2017, il brand A.win Siu ha uno stile personale. Serendipity Jewelry, Francia, è uno dei talenti emergenti già prssente nell’edizione di novembre 2022. Il brand è stato fondato a Parigi nel 2017 da Christine Chan, che ha scoperto la sua passione per le pietre oltre dieci anni fa, in occasione di un viaggio in Australia: presenta una collezione di gioielli in cui si fondono il rispetto per la natura, per la libertà e per sé stessi. Torna anche Tenzo, Estonia, piccola maison di gioielleria affermata e nota a livello internazionale, con raffinate incastonature in oro inciso e satinato, pietre preziose intagliate e inediti accostamenti.
A. Win Siu, Something Sweet
A. Win Siu, Something Sweet

Austy Lee, spilla Farfalla imperiale a coda di Spada
Austy Lee, spilla Farfalla imperiale a coda di Spada
Denise Cassou, orecchini in oro 18k con onice, opale e diamanti
Denise Cassou, orecchini in oro 18k con onice, opale e diamanti
Aso Leon, spilla in titanio
Aso Leon, spilla in titanio

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

All’asta con Christie’s la più grande collezione di gioielli

Next Story

Damiani oltre i 300 milioni e punta su nuove boutique

Latest from News

Oroarezzo fa spazio al fashion

Dall’11 al 14 maggio torna Oroarezzo 2024, piattaforma internazionale per la produzione industriale del gioiello firmata Italian Exhibition