news — 十二月 18, 2019 at 5:00 上午

(Italiano) I diamanti del ballo delle debuttanti

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文法文欧洲西班牙文德文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.





Un tempo il ballo delle debuttanti segnava l’ingresso delle ragazze di 18 anni in società. Il ballo era riservato alle ragazze e ai ragazzi di famiglie ricche e aristocratiche. Le debuttanti si inchinavano davanti alla regina (in Gran Bretagna), indossavano abiti bianchi, guanti e diademi. Questa tradizione è stata dimenticata per molti anni, per tornare in auge alla fine degli anni Ottanta. Il problema è che ora le ragazze non aspettano i 18 anni per frequentare feste e salotti. L’arrivo dei social network, come Facebook o Instagram, ha inoltre reso la socialità un fenomeno universale. Che senso ha, quindi, un ballo delle (quasi) debuttanti oggi? Eppure da Vienna a Parigi se ne organizzano ancora.

Ralph and Russo for the wonderful gown-of HRH Princess Maria Carolina (da Instagram)
Ralph and Russo for the wonderful gown-of HRH Princess Maria Carolina (da Instagram)

In Francia, infatti, il tradizionale ballo delle debuttanti è stato organizzato dal 1957 al 1973. Ma Ophélie Renouard, nel 1994, ne ha inventato una versione moderna, che ha chiamato Le Bal. È una serata danzante che, in più, ha l’obiettivo di raccogliere fondi per beneficenza. E, dato che le ragazze hanno giù ampiamente frequentato feste e avvenimenti mondani, il vero debutto grazie a Le Bal è quello mediatico, tra foto pubblicate sui giornali di gossip e siti internet specializzati. L’idea ha una sua logica.

Debs and Chevaliers
Debs and Chevaliers

Le Bal, inoltre, profuma di esclusività: solo una ventina di giovani selezionate giovani donne e altrettanti cavalieri possono parteciparvi, assieme a ospiti (non danzanti) disposti a pagare la partecipazione all’evento. Per regolamento i cavalieri indossano il classico frac con cravatta bianca, mentre le Maison di alta moda vestono le Deb.

Diadema di diamanti con fiore di giglio in oro realizzato da Harakh e indossato per l'edizione 2019 di Le Bal a Parigi
Diadema di diamanti con fiore di giglio in oro realizzato da Harakh e indossato per l’edizione 2019 di Le Bal a Parigi

In un mondo sempre collegato senza frontiere, le Deb e i cavalieri provengono da circa 12 Paesi diversi e comprendono figli di famosi manager, imprenditori, aristocratici, con una spruzzata di mondo dello spettacolo. Qualche nome per dare un’idea: la principessa Fawzia Latifa d’Egitto, la principessa Sarah Poniatowska, la principessa Adishree Singh, la principessa Gauravi Kumari di Jaipur, la principessa Akshita Bhanjdeo, Ananya Panday, Isha Ambani, Ashna Mehta, Elisabeth Senghor, Diane e Chloé Bouygues, Caroline e Nadine Ghosn. Oppure, quest’anno, Jane Li, figlia dell’iconica star del film d’azione cinese Jet Li.

Anello con diamanti a goccia di Harakh
Anello con diamanti a goccia di Harakh

Che cosa c’entra il ballo delle debuttanti con la gioielleria? Be’, per il 2019 il gioielliere ufficiale dell’evento, organizzato al Shangri-La Hotel di Parigi, è stato l’indiano Harakh Mehta. La sua Maison, Harakh, parola che significa gioia, ha fornito alta gioielleria con diamanti tagliati a goccia. La Maison è famosa per i suoi diamanti, montati su platino o in oro 18 carati, e pietre di colore D, E, F e VS, VVS o IF (internamente impeccabili).

Orecchini Raindrop in oro bianco e diamanti di Harakh
Orecchini Raindrop in oro bianco e diamanti di Harakh

Harakh Mehta è uno specialista di diamanti della quarta generazione: l’attività di famiglia è cominciata a inizio Novecento tra Gujarat e Rajasthan, e attualmente ha sede a Mumbai. La nota biografica del gioielliere specifica che pratica abitualmente yoga e meditazione. Ma, forse, ora ama anche il ballo.

Orecchini con cascata di diamanti di Harakh
Orecchini con cascata di diamanti di Harakh







Leave a Comment

电子邮件地址不会被公开。 必填项已用*标注