news — 三月 10, 2020 at 6:42 下午

(Italiano) Gli orafi italiani chiedono di sospendere le tasse a causa del coronavirus

对不起,此内容只适用于意大利文美式英文法文欧洲西班牙文德文。 For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.




In Italia il coronavirus morde anche il settore della gioielleria. Molte le gioiellerie che hanno deciso di chiudere. Federpreziosi, la Federazione Nazionale delle Imprese Orafe Gioielliere Argentiere ed Orologiaie di Confcommercio, chiede quindi provvedimenti per fare fronte alla situazione. Il primo riguarda la sospensione dei pagamenti Irpef, Inps e Inail. Il provvedimento è anche il frutto di un questionario online proposto da Federpreziosi lo scorso venerdì 7 marzo a 500 operatori del settore (83% aziende al dettaglio, 8,5% aziende di fabbricazione, 8,5 % grossisti).

Quanto calano le vendite
Quanto calano le vendite

Tra quelle individuate a contrasto dei danni economici di coronavirus, infatti, è questa la prima misura ritenuta indispensabile da circa il 71% del campione di operatori orafi italiani che hanno partecipato alla rilevazione. A seguire (59,9%) sono considerati fondamentali gli stanziamenti per l’assegnazione di contributi straordinari per il sostegno alle imprese, la proroga dei versamenti dei tributi locali per tutti i territori e tutte le categorie (58,2%), agevolazioni per favorire la liquidità delle imprese e moratoria per le prossime scadenze delle rate su finanziamenti e leasing (53,7%).

Gioielleria Lo Scarabeo d'Oro, a Milano
Gioielleria Lo Scarabeo d’Oro, a Milano

Il 52,5% ritiene pressoché inevitabile la dichiarazione di stato di calamità per tutto il Paese e per tutti i settori e conseguente estensione a tutto il territorio dei provvedimenti a sostegno delle zone rosse. Parallelamente si ritiene necessaria una forte spinta al commercio e all’immagine dell’Italia nel mondo, con iniziative di promozione nazionale e internazionale del Made in Italy (44,7%). Altri provvedimenti considerati più che opportuni sono: l’istituzione di un fondo di integrazione e cassa in deroga anche per le micro e piccole imprese del terziario (36,4%) e abolizione dei limiti introdotti dalla Legge Finanziaria del 30 dicembre 2019 per l’accesso e/o la permanenza nel regime fiscale forfettario e ripristinare i requisiti precedenti (25,3%).

Desiderio Gioielleria, interno
Desiderio Gioielleria, interno







Leave a Comment

电子邮件地址不会被公开。 必填项已用*标注