news — Январь 28, 2015 at 10:00 пп

(Italiano) VicenzaOro, scommessa vinta

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Pare che VicenzaOro nuova versione abbia avuto successo. Timori, inutile nasconderlo, ce n’erano. Qualche mugugno tra gli espositori più refrattari al cambiamento c’è stato. Ma i numeri sono numeri. Alla chiusura di VicenzaOro January i nove padiglioni di Fiera Vicenza e i 29mila metri quadri di superficie dell’evento hanno accolto oltre 1.500 brand, e circa 33mila presenze nei sei giorni di manifestazione. Se la matematica non è un’opinione fanno una media di 5.500 visitatori al giorno, con una crescita del 10% rispetto all’edizione 2014 (che però è durata un giorno meno). Cosa ancora più ragguardevole per gli operatori, tra gli stand sono passati 18.532 buyer. A conferma della forte vocazione internazionale di Fiera di Vicenza e dell’interesse per la gioielleria Made in Italy, aumentano gli operatori stranieri, arrivati a 8.361 da 122 Paesi e segnando un +8%. Sono aumentate anche le presente degli operatori italiani, che raggiungono quota 10.171 (contro gli 8.653 dello scorso anno).

VicenzaOro January 2015
VicenzaOro January 2015

Non sorprende che la provenienza dei buyer, sia stata in crescita generalizzata dalla zona euro, dell’area balcanica e dell’Europa centro-orientale, ma in controtendenza quanto riguarda la Russia, mentre una conferma è arrivata dalle repubbliche asiatiche dell’ex-Urss. Crescita generalizzata anche dal bacino del Mediterraneo e dal sub-continente mediorentale. India e Cina confermano il crescente ruolo di mercati di sbocco per l’alto di gamma. Gli Stati Uniti evidenziano un rinnovato interesse rispetto al prodotto italiano di qualità, così come l’America Latina nel suo complesso, nonostante il non facile accesso a causa di barriere doganali. Scommessa vinta? Pare di sì: le nuove sei aree espositive organizzate per business omogenei sono orami una realtà. Ora le prossime sfide si giocheranno in trasferta. A cominciare dal campo di Dubai. Federico Graglia 

VicenzaOro 2015
VicenzaOro 2015

Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *