vetrina — Июнь 4, 2020 at 4:12 дп

(Italiano) Il triangolo di Maria Gaia Piccini

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.




La designer fiorentina Maria Gaia Piccini dedica le sua produzione di gioielli quasi esclusivamente alla forma del triangolo. E un motivo c’è ♦︎

Il triangolo è una figura geometrica dotata di un’aura mistica. Inoltre, è  un piccolo e semplice strumento musicale. Infine, è anche uno spazio non convenzionale, perché lontano dal concetto di simmetricità. Ma non sono queste le considerazioni che hanno ispirato Maria Gaia Piccini a concepire una serie di gioielli basati quasi sempre sulla figura del triangolo, una forma poco utilizzata in gioielleria.

Ma non solo, ovviamente.

Pendente in oro giallo lucido
Pendente in oro giallo lucido

E dire che la designer ha alle spalle una storia di pura tradizione, come racconta lei stessa. Maria Gaia Piccini è una fiorentina doc. Discende da una famiglia con una lunga tradizione nel campo della gioielleria a Firenze, con diversi negozi sul Ponte Vecchio. Storia che riassumiamo così (sul sito di Maria Gaia Piccini è descritta con maggiori particolari): Alberta Risaliti, madre del padre della designer, Carlo Piccini, era la figlia dell’argentiere Aristodemo Risaliti, titolare di un’azienda produttrice di oggetti in smalto, oro e argento situata in via De’ Bardi, vicino Ponte Vecchio. Tebaldo Piccini, nonno paterno, era figlio di Pirro Piccini, un famoso incassatore che aveva lavorato per la famiglia Settepassi, ed era gioielliere di fiducia di alcune famiglie nobiliari. Il fratello Armando era creatore di gioielli e alcune delle sue opere sono conservate al Museo degli Argenti a Palazzo Pitti, a Firenze. I due fratelli, assieme al padre Pirro, hanno fondato il negozio Fratelli Piccini sul Ponte Vecchio, dove si trova tutt’ora.

Orecchini a triangolo pieno in oro giallo
Orecchini a triangolo pieno in oro giallo

Quando Maria Gaia aveva 19 anni ha incontrato nel negozio del padre Madame Mahin Fallah, nobildonna persiana, collezionista di gioielli. È nata un’amicizia che, a Londra, ha consentito di conoscere Marina Bulgari, già famosa nel mondo della gioielleria. Insomma, nonna, nobildonna persiana e designer della famiglia Bulgari sono state le numi tutelari di Maria Gaia. Sono tre e, quindi, hanno un legame con il concetto di triangolo. Secondo la designer, infatti, il triangolo rappresenta il legame tra passato, presente e futuro e anche il legame con le tre «straordinarie donne» che l’hanno incoraggiata a fondare la sua Maison.  Giulia Netrese

Orecchini a triangolo in oro rosso
Orecchini a triangolo in oro rosso
Collana in oro rolò girocollo
Collana in oro rolò girocollo
Ciondolo in oro a forma di ballerina
Ciondolo in oro a forma di ballerina
Orecchini a cerchio in oro bianco
Orecchini a cerchio in oro bianco

Collezione Indossame
Collezione Indossame







Ciondolo con zaffiri rosa
Ciondolo con zaffiri rosa

Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *