mostre, news — Август 1, 2019 at 5:00 дп

(Italiano) I Vanity Affair di Christie’s

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.





Custodie per trucchi create dalle grandi Maison di gioielleria in una mostra organizzata da Christie’s ♦︎

Cimeli legati al mondo del lusso. O, più precisamente, di quello che lo custodisce. A settembre, da mercoledì 11 a giovedì 16 Christie’s ha organizzato a Parigi una mostra curata dal dipartimento gioielli della più grande casa d’aste. La mostra si chiama A Vanity Affair e riunirà 75 lussuose custodie per make-up create dalle più grandi maison di gioielli di Place Vendôme. Le custodie, che sono dei veri gioielli, sono state acquistate e conservate da una coppia di appassionati (che preferiscono restare anonimi), che li ha assemblati con amore, gusto e pazienza nel corso degli anni, raggiungendo i 160 pezzi.

Jean Schlumberger per Ttiffany, 1956, portacipria in oro, peridoto, turchesi
Jean Schlumberger per Ttiffany, 1956, portacipria in oro, peridoto, turchesi

Nei miei cinquant’anni nel settore delle aste, ho visto e gestito molte collezioni di coppie, dai ricordi intimi di privati ​​alle proprietà comuni di leggende come Elizabeth Taylor e Richard Burton, il duca e Duchessa di Windsor e Yves Saint Laurent e Pierre Bergé. Questi di solito iniziavano come regali reciproci in occasioni speciali e, man mano che la collezione cresceva, progrediva verso uno sforzo più proattivo e serio, spesso con tesori che coprivano periodi, stili e regioni espansivi. La pozione magica in queste collezioni è l’emozione. Questa è una relazione amorosa permanente tra due persone e la loro relazione amorosa con bellezza e raffinatezza.
François Curiel, presidente di Christie’s Europe

Box art déco con corallo, lapislazzuli, smalto e diamanti
Box art déco con corallo, lapislazzuli, smalto e diamanti

La stessa passione ha spinto la coppia ad assemblare una delle più importanti collezioni private di custodie Vanity e Minaudiere, ripercorrendo l’evoluzione dell’arte del necessaire dal XVIII secolo alla metà del XX secolo. La raccolta registra l’evoluzione del gusto tra le due guerre mondiali e le alterne fortune di politica e finanza. È anche un inno alla maestria artigianale delle più grandi maison di gioielli, che hanno creato questi accessori per «donne moderne». In effetti, Cartier, Van Cleef & Arpels e Lacloche Frères occupano un posto molto speciale in questa collezione insieme a Boucheron, Tiffany & Co, Fabergé e Black Starr & Frist, tra gli altri.

Vanity case art déco in madreperla, turchese, lapislazzuli, lacca. Cartier 1929
Vanity case art déco in madreperla, turchese, lapislazzuli, lacca. Cartier 1929

Aprire una di queste scatole, è come svelare i loro segreti intimi, tuffarsi nel loro universo e tornare indietro nel tempo. In viaggio per Parigi, Londra o New York, attraversando percorsi con le diverse personalità delle élite e della società dei caffè: aristocratici, designer, erede, pasci.
Lyne Kaddoura, scrittrice del libro A Vanity Affair

Minaudière art déco in lacca, platino e diamanti. Van Cleef et Arpels 1935
Minaudière art déco in lacca, platino e diamanti. Van Cleef et Arpels 1935

La collezione comprende pezzi che in precedenza erano di proprietà di personalità come Suzanne Belperron, Anna Gould duchessa di Talleyrand Perogord, sua nipote Diane de Castellane, Rachel Bunny Mellon, Pasha el Glaoui, Doris Duke.

Tra gli anni Venti e Cinquanta quasi tutte le principali maison di gioielleria hanno fornito  una clientela d’élite con questi piccoli box in oro e argento, decorati con diamanti, gemme colorate, giada e corallo, e determinati dall’estetica del giorno, riflettendo molti stili distintivi, Belle Époque, Art Deco, Orientale o Retro. Ma è da ammirare anche l’aspetto meccanico, con cerniere nascoste e scomparti a strati.

Durante la mostra sarà disponibile il libro Vanity Affair, 336 pagine riccamente illustrato, pubblicato da Rizzoli. Federico Graglia

Esposizione: dall’11 al 16 settembre, dalle 10 alle 18
Christie’s: 9 avenue Matignon, 75008 Parigi

Vanity case art déco, in smalto, madreperla e diamanti. Cartier 1925
Vanity case art déco, in smalto, madreperla e diamanti. Cartier 1925

Vanity case di Boucheron in smalto, madreperla e diamanti
Vanity case di Boucheron in smalto, madreperla e diamanti

Porta sigarette in argento , smalto e guscio d'uovo di Jean Trotain 1930
Porta sigarette in argento , smalto e guscio d’uovo di Jean Trotain 1930

Porta sigarette art déco  in smalto, diamanti. Lacloche Frères 1925
Porta sigarette art déco in smalto, diamanti. Lacloche Frères 1925







2 комментария

  1. Can you tell us more about this? I’d love to find out more details.

Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *