— Декабрь 21, 2014 at 3:16 пп

(Italiano) Gaia Repossi icona di stile

Извините, этот техт доступен только в “Итальянский”, “Американский Английский”, “Французский”, “Европейский Испанский” и “Немецкий”. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in this site default language. You may click one of the links to switch the site language to another available language.

Il Financial Times incorona due italiane come trendestetter della moda: una è la designer di gioielli Gaia Repossi, di cui abbiamo già parlato. La notizia non è passata inosservata ed è stata ripresa dal Corriere della Sera in un articolo di Maria Teresa Veneziani. Che riportiamo qui sotto.

Gaia Repossi
Gaia Repossi

Belle, giovani e concrete, ugualmente impeccabili, con una camicia in jeans e un blazer o una giacca Chanel. Giovanna Battaglia e Gaia Repossi sono le sole due italiane scelte tra i personaggi meglio vestiti del 2014 dal Financial Times. Due «It Girl», per dirla in termini modaioli, ovvero due ragazze della bella società considerate icone di stile. La 35 enne Giovanna, milanese, lineamenti mediterranei e fisico statuario è cresciuta in una famiglia di artisti, il padre pittore, la madre scultrice. Da piccola disegnava i vestiti per le sue Barbie, a sedici anni è diventata modella e musa per Dolce & Gabbana. Vive respirando l’ambiente della moda, che le regala anche un fidanzato come Vladimir Roitfeld, figlio di Carine, ex direttrice di Vogue Parigi. Dopo aver ricoperto il ruolo di caporedattore per Vogue Gioiello e Vogue Pelle, ora vive e lavora come fashion editor a New York.  Il suo look? D’avanguardia eppure mai esagerato, anzi quasi discreto (tra i marchi d’elezione Prada, Dolce & Gabbana, Max Mara, Comme des Garçons). Ragazze di carattere, insomma.

Come Gaia Repossi, nata nel 1986 a Torino, figlia del gioielliere Alberto che negli anni di piombo si è trasferito con la famiglia a Montecarlo. Cresce tra il Principato c la Francia, studiando arte a Parigi. La ragazza sa essere chic con un paio di pantaloni color tabacco, una camicia in jeans e un blazer blu. Passa con disinvoltura da un jeans a una giacca vintage di Chanel, da Céline al design contemporaneo di Alexander Wang (per cui ha disegnato anche una collezione di gioielli). E carattere ne ha da vendere. «Si è messa in testa di disegnare  gioielli e d’un colpo ha rivoluzionato un marchio storico», riconosce il padre. Come certi anelli e orecchini multipli, che indossa personalmente nelle campagne pubblicitarie con pose provocatoriamente punk (la prima scattata da Karl Lagerfeld che oggi indossa i suoi bijoux). «Quando li ho visti, le ho detto: Ma chi vuoi che spenda migliaia di euro per cose così particolari?», ricordava il papà. «Non ti preoccupare, se a una donna piace qualcosa, non si fa problemi a spendere», fu la risposta. Aveva ragione lei. Oggi sono addosso a tutte le star intenazionali, da Emma Watson e Chloe Sevigny. Gaia vive tra Parigi e New York, fidanzata con un giovane e bell’artista, Jeremy Everett.

Repossi, strangolino White Noise in oro rosa e diamanti bianche e rosa
Repossi, strangolino White Noise in oro rosa e diamanti bianche e rosa
Repossi, bracciale Antifer composto da 8 fili in oro nero e diamanti bianchi
Repossi, bracciale Antifer composto da 8 fili in oro nero e diamanti bianchi
Repossi, bracciale Berbere Module composto da 5 file modulari in oro rosa e diamanti bianchi
Repossi, bracciale Berbere Module composto da 5 file modulari in oro rosa e diamanti bianchi

Nella classifica del quotidiano finanziario inglese le nostre due ragazze si ritrovano affiancate ad attori come Woody Harrelson e Malthew McConaughey, coppie di belli e famosi come Antoine Arnault e Natalia Vodianova. C’è voglia di cambiamento subito sottolineato dall’assenza di alcuni dei soliti fashionisti. In compenso in tutto il suo splendore c’è il principino George. «Con la polo blu e la salopette a righe — scrive il quotidiano della city -, è la più giovane star nella nostra classifica». Maria Teresa Veneziani

Bio

Gaia Repossi è nata a Torino. Ha studiato pittura alle Belle  Arti di Parigi e si è specializzata in Archeologia. Nel 2007, all’età di 21 anni, è stata nominata direttore artistico e creativo dell’azienda di gioielli di famiglia. Nelle sue creazioni si ispira all’architettura contemporanea.

Leave a Comment

Ваш e-mail не будет опубликован. Обязательные поля помечены *