Anello in oro bianco e diamanti della collezione Tagli di Mattioli
Anello in oro bianco e diamanti della collezione Tagli di Mattioli

I tagli d’oro di Mattioli

L’arte dei tagli di Fontana rivive nella collezione Cuts di Mattioli: improvvise fenditure nelle superfici in oro ♦

L’arte, in particolare la pittura, è da sempre fonte di ispirazione per la Maison torinese Mattioli. Dopo i quadri dell’Arcimboldo che hanno suggerito l’omonima collezione, ecco la line Tagli o, se preferite, Cuts. Questa volta, con un salto di quattro secoli, i gioielli approdano all’informale di Lucio Fontana, fondatore del «movimento spazialista», artista italiano noto soprattutto per i suoi tagli alle tele che, in questo modo, guadagnavano una terza dimensione. Come nelle opere della famosa serie Concetto spaziale, anche i gioielli di Licia Mattioli alternano superfici piatte a improvvise fenditure. In questi tagli, a volte, trova posto anche un piccolo diamante. I gioielli sono realizzati in oro giallo, bianco e rosé. I solchi, con una geometria simile, percorrono anelli, bracciali e orecchini. Ci sono anche pezzi che antepongono un pavé di diamanti su oro bianco. M.D.





Anello in oro bianco e diamanti della collezione Tagli di Mattioli
Anello in oro bianco e diamanti della collezione Tagli di Mattioli

Anello in oro bianco
Anello in oro bianco
Anello in oro giallo
Anello in oro giallo
Anello in oro rosa
Anello in oro rosa
Anello in oro rosa e diamanti
Anello in oro rosa e diamanti
Anello in oro rosa e diamanti
Anello in oro rosa e diamanti
Bracciale in oro giallo
Bracciale in oro giallo
Bracciale in oro rosa
Bracciale in oro rosa
Orecchini in oro giallo
Orecchini in oro giallo
Orecchini in oro giallo
Orecchini in oro giallo

Orecchini in oro rosa e diamanti
Orecchini in oro rosa e diamanti







Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Dior incorona l’opale

Next Story

Il tempo dei bijoux

Latest from Showroom

Jem, il bello è buono

Gioielli realizzati esclusivamente con oro etico e diamanti di laboratorio: è la formula della parigina Jem,