Gioielli, Jewelry, Joaillerie, Joyas, Jewelen

Analisi di un diamante

Diamanti: le regole per evitare truffe




Siete sicuri della provenienza del diamante che c’è sul vostro anello? E se dovete acquistare un anello con diamante (o un altro gioiello), come fate a sapere se quello che acquistate è autentico? In altre parole: come si fa a evitare truffe quando si acquista un diamante? Ecco quattro consigli utili per evitare brutte sorprese ♦

Purtroppo truffe o comportamenti poco corretti ci sono anche nel mondo della gioielleria. Sono abbastanza rari, per fortuna. Ma per evitare di cadere in una trappola potete seguire queste quattro regole.

Diamanti in vendita ad Anversa
Diamanti in vendita ad Anversa

Siete sicuri che il vostro diamante sia proprio un diamante?

Il dubbio nasce dopo aver letto una notizia che arriva dalla California, ripresa da Jck. Secondo la cronaca, il proprietario di una gioielleria di Ventura, cittadina della California, è stato arrestato con l’accusa di sostituire i diamanti dei gioielli affidati per una riparazione con moissanite. A scoprire la truffa è stata una donna, che aveva affidato al gioielliere l’anello nuziale da riparare. Il danno è stato valutato in circa 8 mila dollari. Niente di drammatico, certo. Ma fa una certa impressione leggere sul web un commento di un lettore alla notizia: «Purtroppo, ho un prozio che è un gioielliere in Florida, fa le stesse cose, ma utilizza cubic zirconia». Insomma, due indizi non fanno una prova, ma sollevano un sospetto: quanto sono diffuse questo tipo di truffe? Certo, ci sono i casi in cui i diamanti (falsi) sono venduti (o, meglio, spacciati) al di fuori dei canali ufficiali. In Italia, per esempio, è accaduto in Sicilia e vicino al Lago di Garda: in tutti e due i casi falsi gioiellieri cercavano di vendere falsi gioielli a veri anziani, ma sono stati arrestati.

Analisi di un diamante
Analisi di un diamante

Come comportarsi, invece, quando si compra un diamante? Ecco le regole.

1 La migliore sicurezza c’è quando il diamante è accompagnato da un certificato di un Istituto gemmologico riconosciuto. Per esempio, Gia (Gemological Institute of America), che è il più accreditato, oppure Ags (American Gem Society), Igi (International Gemmological Institute). Ma è bene anche sapere che la valutazione di un diamante non è uguale per tutti. Certo, l’autenticità viene prima di tutto, ma poi entra in ballo anche la qualità e la tipologia della pietra (vedi anche Tutto sui diamanti). Non esiste, infatti, uno standard internazionale uguale per tutti. Esistono casi di un diamante con valutazioni diverse in base al criterio di analisi: quando le differenze sono sfumature, è facile che un giudizio sia qualcosa di personale.

Un esempio di certificato, quello dell'IGI, Istituto Gemmologico Italiano
Un esempio di certificato, quello dell’IGI, Istituto Gemmologico Italiano

2 Tenere conto dei produttori che aggiungono il proprio marchio a garanzia: si tratta di incisioni al laser sulla parte del diamante non visibile a occhio nudo, ma che sono leggibili con un microscopio. Codici o marchi sono, infatti, una garanzia ulteriore, perché certificano la provenienza della pietra. In altre parole: la tracciabilità di un diamante è importante e ne aumenta il valore.

Blister di Calderoni Diamonds
Blister di Calderoni Diamonds

3 Chiedete o scattate voi stessi una foto del diamante montato sul gioiello. Può essere una garanzia in caso di contestazioni future. Questo, naturalmente, può essere utile nel caso di diamanti di un certo peso: difficilmente una fotografia di pietre minuscole potrà essere di aiuto, a meno di non ricorrere a scatti con obiettivi macro (e bisogna avere una certa esperienza). In ogni caso, un’immagine del vostro gioiello è sempre utile: per esempio, può essere fornita alla polizia in caso di furto.

Analisi gemmologica a Vicenzaoro
Analisi gemmologica a Vicenzaoro

4 Un certificato (facendo conto che sia autentico) dovrebbe rassicurare il compratore. Ma in ogni caso le norme europee presuppongono la responsabilità diretta e completa del venditore, il gioielliere, verso il cliente. Chi acquista un prodotto, anche un gioiello, gode del diritto di recesso, cioè può restituirlo se non risponde alle caratteristiche descritte al momento della vendita.

Lavorazione di gioielleria
Lavorazione di gioielleria






Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Latest from da sapere

Go to Top